Maggioni contro l’attacco alla sede della Cgil: “Non basta condannare la violenza”

"Se qualcuno pensa che chiamare fascista questo fenomeno squadrista sia un anacronismo, potremmo chiamarlo con qualsiasi altro nome, sapendo però che la strategia è la medesima"

Generica 2020

Domenica mattina la sinistra bustocca si è ritrovata tutta unita al presidio alla Camera del Lavoro di Busto Arsizio per condannare gli atti di violenza di Roma avvenuti il giorno prima, a margine della manifestazione contro il green pass.

Maurizio Maggioni, da poco eletto consigliere comunale per il Pd e reduce dalla campagna elettorale come candidato sindaco del centrosinistra, spiega la matrice del gesto e commenta così il gravissimo episodio che ha creato una levata di scudi a protezione di tutte le sedi sindacali:

«Sono atti che hanno un nome ed un cognome: squadrismo fascista. L’ho fatto per rappresentare quella parte di cittadini che vogliono far crescere la democrazia. Non basta dire no alla violenza in quanto estranea e contraria all’esercizio della democrazia. Occorre sapere che ci sono stati e sono ancora presenti, propositi ed organizzazioni, palesi ormai da tempo, tendenti ad esasperare il disagio e a trasformarlo in una strategia anti-istituzionale e contro le rappresentanze democratiche.
Se qualcuno pensa che chiamare fascista questo fenomeno squadrista sia un anacronismo, potremmo chiamarlo con qualsiasi altro nome, sapendo però che la strategia è la medesima, accompagnata dalla simpatia di chi a fatica nasconde di essere nostalgico».

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 11 Ottobre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.