Melina Aita non uccise il marito, ribaltata in appello la sentenza per l’omicidio di Somma Lombardo

Condannata all'ergastolo in primo grado, insieme ad altri due soggetti, è stata assolta in appello per non aver commesso il fatto. Assoluzione anche per Slaeddine Ben H'Mida

melina aita

Melina Aita è stata assolta dalla Corte d’assise di Appello di Milano dall’accusa di aver ucciso il marito, Antonino Faraci.  L’omicidio avvenne il 12 aprile del 2014 nella casa della coppia a Somma Lombardo e insieme a lei vennero accusati Bechir Baghouli e Slaheddine Ben H’Mida. 

Anziano ucciso in casa

Tutti e tre vennero condannati in primo grado all’ergastolo dalla Corte d’assise del Tribunale di Busto Arsizio (qui l’articolo) nel dicembre del 2018. Oggi, mercoledì, dopo due ore di discussione è arrivata l’assoluzione per Melina Aita e per Ben H’Mida mentre la condanna per Baghouli è stata ridotta a 24 anni.

La tesi sostenuta dalla Procura Generale ricalcava quella del pm Rosaria Stagnaro e sosteneva che Melina Aita avrebbe intrattenuto una relazione anche sessuale con Bechir Baghouli e avrebbe procacciato soldi e cocaina all’uomo in più occasioni. Slaeddine Ben H’Mida avrebbe partecipato in quanto amico di Baghouli. Tutti e tre avrebbero organizzato l’omicidio fingendo una rapina in casa. Nelle ore successive al delitto i due maghrebini si erano dileguati, lasciando l’Italia in fretta e furia.

Soddisfatti i legali di Melina Aita, Pierpaolo Cassarà, e Marco Brunoldi per Baghouli e Ben’H Mida. Così ha commentato il difensore della donna: «Dopo due ore di discussione si può dire che abbiamo smontato in maniera certosina la costruzione indiziaria del primo grado, più simile al soggetto di un film.  La teoria della pm Stagnaro è sprofondata nel nulla. Processi come questi devono avere prove inoppugnabili per finire con l’ergastolo e non sulla base di indizi messi lì per creare una verità processuale».

Rispetto alla sua cliente, ultrasettantenne: «Spero in una nuova vita per lei. Ha vissuto 4 mesi di carcere preventivo per un fatto che non ha commesso, la sua vita privata è stata buttata in pasto al pubblico, definendola drogata, fedifraga e prostituta. Credo meriti una ripulitura totale della sua immagine».

Orlando Mastrillo
orlando.mastrillo@varesenews.it

Un cittadino bene informato vive meglio nella propria comunità. La buona informazione ha un valore. Se pensi che VareseNews faccia una buona informazione, sostienici!

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 13 Ottobre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.