Metamorfosi urbana a Varese: Via Carcano libro aperto, dopo le demolizioni

La 33esima puntata della rubrica di Fausto Bonoldi resta a Biumo e racconta "la zona industriale che fu"

Metamorfosi urbana: via Carcano

Ogni lunedì, con una passeggiata virtuale, la rubrica “Metamorfosi urbana” vi racconta le trasformazioni che ha subito Varese negli ultimi cento anni, da quando cioè è diventata capoluogo di provincia. A firmarla è Fausto Bonoldi, storica firma del giornalismo varesino che su questo argomento, che tratta da anni nel gruppo Facebook La Varese Nascosta,  ha scritto anche un libro, edito da Macchione, dal titolo “Cara Varese come sei cambiata

GUARDA TUTTE LE ALTRE PUNTATE

Metamorfosi urbana, trentatreesima  puntata: Via Carcano libro aperto, dopo le demolizioni

C’era una volta una grande zona industriale tra l’area delle stazioni, a ridosso del nucleo storico della città, e la castellanza di Biumo Inferiore. L’ultima consistente porzione  della Varese che produceva è caduta prima con la demolizione del laboratorio, affiancato a una bella villa in stile eclettico, della segheria Fidanza e poi con l’abbattimento del magazzino siderurgico della Traferri.

Metamorfosi urbana: via Carcano

Le ruspe hanno lasciato il posto al grande parcheggio provvisorio di via Carcano in attesa che la “riqualificazione” dell’area faccia sorgere nuovi edifici. Entrambi i siti industriali erano abbandonati e cadenti da decenni e la demolizione soprattutto dello stabilimento della Traferri, divenuto un inguardabile rudere rifugio di sbandati,  era auspicata da numerosi varesini, a parte poche voci favorevoli a una ristrutturazione.

Metamorfosi urbana: via Carcano

L’inizio della fine risale agli ormai lontani Anni Settanta del secolo scorso quando gli allora proprietari della Traferri, interessati a investire sull’ampliamento e l’ammodernamento degli edifici , si scontrarono con i vincoli urbanistici che prevedevano il mantenimento di una consistente area verde.

L’area di via Carcano è stata acquistata in due riprese dalla società italosvizzera Vicom che, acquisito quattro anni fa il terreno della segheria Fidanza, l’anno scorso è entrata in possesso anche dell’area della Traferri dopo il fallimento della Fim, ultima proprietaria del magazzino di prodotti siderurgici.

L’intervento edilizio in procinto di partire s’inserisce nella più ampia “riqualificazione” della zona delle stazioni promossa dal Comune e prevede la costruzione  di un supermercato e di un complesso residenziale, in parte riservato all’housing sociale, che, più basso del condominio esistente, dovrebbe  armonizzarsi con il contesto edilizio presente, almeno stando alle assicurazioni dell’assessore all’Urbanistica Andrea Civati. 

Ora c’è chi si lamenta della soppressione del grande parcheggio, disponibile per l’intera giornata al costo di soli 2 euro, che si aggiunge all’eliminazione della sosta nel piazzale Kennedy liberato dalle bancarelle del mercato. Nel nuovo complesso di via Carcano  sono però previsti duecento posti auto di cui una metà pubblici.

di
Pubblicato il 11 Ottobre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.