Minacciano dei coetanei sul treno e si fanno consegnare 30 euro

I carabinieri della Compagnia di Laveno Mombello sono già al lavoro per individuare i responsabili. I fatti nel pomeriggio di domenica 24 ottobre

carabinieri laveno mombello

I carabinieri della Compagnia di Laveno Mombello sono già al lavoro per individuare i responsabili che nel pomeriggio di ieri (domenica 24 ottobre) hanno minacciato e sottratto dei soldi a dei coetanei. Pochi euro e una storia che vede coinvolti dei minorenni.

Secondo una prima ricostruzione, due minorenni si sono stati avvicinati da altri ragazzi della stessa età, 15 anni circa, e dopo averli minacciati, dicendo loro di aver un coltello, si sono fatti consegnare tutti i soldi in loro possesso, circa 30 euro in totale. A quel punto sono scappati scendendo dal treno, partito da Laveno, alla stazione di Cittiglio.

I giovani rapinati a quel punto hanno chiamato i carabinieri della Stazione di Laveno Mombello, che sono arrivati poco dopo e che ora stanno lavorando per individuare i responsabili del gesto. (Foto di repertorio)

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 25 Ottobre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. carlo_colombo
    Scritto da carlo_colombo

    A leggere di questi casi e simili purtroppo sempre più frequenti, si rimane sconsolati poiché non si intravedono facili soluzioni. Un tempo i genitori erano meno permissivi e non difendevano i loro “pargoli” quando erano in torto. Oggi come oggi anche gli insegnanti non si permettono più di punire i loro alunni quando lo meritano per evitare questioni o addirittura denunce da parte dei genitori.
    Anche gli oratori avevano una loro funzione educativa ma purtroppo in questi tempi sono un po’ disertati.
    Speriamo che almeno a scuola torni ad essere insegnata come si deve l’educazione civica.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.