Scatta il semestre di monitoraggio della qualità dell’aria e delle misure antismog

Fino al 31 marzo verrà monitorata la qualità dell'aria. Due i livelli di misure di contrasto all'inquinamento

inquinamento atmosferico ciminiera

Scatta da oggi, 1° ottobre, il periodo di monitoraggio della qualità dell’aria che prevede misure antismog. Fino al prossimo al 31 marzo, in caso episodi di accumulo del Pm10, si interverrà con provvedimenti che si articolano su due livelli, in base al superamento continuativo del limite giornaliero per il Pm10 (50 mg/m3) registrato dalle stazioni di riferimento”.

MISURE DI PRIMO LIVELLO, DOPO 4 GIORNI DI SUPERAMENTO – Le misure di primo livello si attivano dopo 4 giorni di superamento continuativo del limite giornaliero per il Pm10 (50 µg/m3, microgrammi per metro cubo).
Relativamente al traffico, si attivano nei Comuni con oltre 30.000 abitanti e in quelli aderenti su base volontaria in Fascia 1 e 2, dove si applica il divieto di utilizzo delle autovetture di classe fino a euro4 diesel, comprese quelle dotati di filtro antiparticolato, dalle ore 8.30 alle ore 18.30.
Per quanto riguarda le misure su riscaldamento e agricoltura, le limitazioni si applicano a tutti i comuni delle province interessate dai superamenti continuativi mediante: divieto di utilizzo di generatori di calore domestici a biomassa legnosa, in presenza d’impianto di riscaldamento alternativo, con emissioni inferiori o uguali a 3 stelle; limite a 19 gradi centigradi delle temperature all’interno degli edifici, con tolleranza di 2 gradi.
Altri divieti ancora: tutte le combustioni all’aperto (quelle da residui vegetali, falò rituali, barbecue e fuochi d’artificio) e per quanto riguarda l’agricoltura, divieto di spandimento dei reflui zootecnici, salvo iniezione diretta o interramento immediato.
Rimane come raccomandazione di massima l’adozione dello smartworking.

MISURE DI 2 LIVELLO, DOPO 10 GIORNI DI SUPERAMENTO – Le misure di secondo livello si attivano dopo 10 giorni di superamento continuativo del limite giornaliero per il Pm10 (50 µg/m3). In questo caso è previsto il blocco alla circolazione di tutti i veicoli Euro 4 diesel privati e commerciali, anche se con filtro antiparticolato (Fap).
Inoltre, è previsto il divieto di utilizzo impianti a biomassa fino a 4 stelle comprese (in tutto il territorio provinciale dove sono attivate le misure).
Rimane valido il divieto di spandimento dei reflui zootecnici come nelle limitazioni di 1° livello e il divieto di combustioni all’aperto.
Raccomandazione di potenziare lo smartworking.

LIMITAZIONI PERMANENTI EURO 4 DIESEL AL TERMINE STATO EMERGENZA SANITARIA – Si ricorda che le limitazioni permanenti alla circolazione per i veicoli Euro4 Diesel saranno introdotte al termine dello stato di emergenza sanitaria nazionale, al momento fissato al 31 dicembre 2021.
Al momento non si segnalano superamenti dei limiti e quindi possibili emergenze.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 01 Ottobre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.