Situazione “fuori controllo” al Cargo di Malpensa, gli spedizionieri chiedono manutenzione

Il nubifragio di metà settembre ha lasciato uno strascico di disagi e ritardi nello smistamento delle merci. Le associazioni di categoria chiedono un piano d'intervento urgente

Allagamento a Malpensa

Dopo il nubifragio di metà settembre e l’allagamento di Cargo City, ora le associazioni di categoria degli spedizionieri chiedono interventi «il prima possibile» nel comparto merci di Malpensa.

Alsea e Anama hanno scritto a Sea, la società di gestione degli scali milanesi, per chiedere un piano complessivo, che possa anche anticipare i futuri investimenti sull’area cargo. «Ci sono interventi a uffici, spazi comuni, magazzini, piazzale e dotazioni che non possono più essere posticipati e che sono necessari e indispensabili per la funzionalità dell’aeroporto».

L’ampliamento dell’area cargo è il “cuore” degli investimenti per il nuovo Masterplan che Sea sta approntando (è stato appena presentato il nuovo piano rivisto). Le due sigle degli spedizionieri chiedono però Sea di «non aspettare l’approvazione del Masterplan2035, ma di prevedere con urgenza un piano di interventi di manutenzione da realizzarsi il prima possibile, per preservare la centralità di Malpensa come primo scalo cargo italiano».

L’ultimo allagamento ha mostrato diverse fragilità della cargo city, con infiltrazioni massicce d’acqua, black out anche di ore e blocco degli impianti. Secondo la casa di spedizioni Barbarini & Foglia – citata dal portale specializzato Air Cargo Italy – la situazione a Cargli City sarebbe infatti «fuori controllo» negli spazi dei due principali operatori, Alha e da BCube.

Malpensa generica 2019
Uno “scroscio” d’acqua nei magazzini di Cargo City, nella mattina di venerdì 17 settembre, il giorno dopo al nubifragio

La direzione di Alha, riporta sempre Barbarini & Foglia, «ha informato che il proprio staff integrato a Malpensa per l’occasione da 31 nuove unità – sta lavorando incessantemente per smaltire le giacenze accumulate», particolarmente abbondanti a causa di un blocco – integrale o parziale – prolungatosi per tre giorni, come denunciava anche il sindacato di base molto attivo a Cargo City. «Leggermente migliore» viene invece valutata la situazione di BCube-Malpensa.

di
Pubblicato il 01 Ottobre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.