Un tuffo nel medioevo tra gli scavi di Castelseprio, con gli archeologi della Cattolica

Visite all'area degli scavi e al Monastero di Torba organizzate da Archeologistics con l’Università Cattolica venerdì 8 e giovedì 14 ottobre alle 14.30

sito archeologico castelseprio

Ad ottobre l’Università Cattolica di Milano guidata dal prof. Marco Sannazaro, indaga le abitazioni del borgo di Castelseprio, ed in particolare un edificio che sembra avere 3 vani e diverse fasi di utilizzo. L’inatteso ritorno del gruppo di archeologi milanese – che aveva già lavorato nell’estate e che torna per un supplemento di indagine – offre un’occasione inattesa di nuove visite a cantiere aperto.

Galleria fotografica

Sito archeologico di Castelseprio 4 di 19

La millenaria casa di Castelseprio riemersa dagli scavi sarà visitabile

Le visite guidate con gli archeologi vi porteranno a conoscere la quotidianità, le forme, gli oggetti dell’abitare medievale venerdì 8 ottobre e giovedì 14 ottobre alle ore 14.30. Queste visite autunnali seguono quelle del mese di agosto, in cui oggetto dello scavo archeologico era San Giovanni di Castelseprio: una nuova campagna di scavo archeologico nell’ambito del progetto Castelseprio, centri di potere, avviato in questo anno e coordinato da Gian Pietro Brogiolo.

Nell’area dell’abside e presbiterio della Basilica di San Giovanni a Castelseprio la ricerca è condotta dall’Università di Padova: la prof.ssa Alexandra Chavarria guida un team di professionisti e studenti di ambito internazionale.

Sepolture, strutture, frammenti di pittura murale: lo scavo ha restituito informazioni interessanti, condivise dal vivo con i numerosissimi visitatori intervenuti.Ora l’equipe dell’Università Cattolica ci porta a scoprire il borgo, l’area forse ancora meno nota del sito di Castelseprio. La Cattolica partecipa al progetto Castelseprio, centri di potere insieme ad Archeologia Medievale Unipd e Università di Chieti, su concessione del Ministero della Cultura.

La visita guidata è adatta a tutti e propone sia la conoscenza delle vicende del sito archeologico nel suo complesso, sia il dialogo con l’equipe dell’Università Cattolica per seguire da vicino  il lavoro archelogico e avere un’anteprima sui risultati dello scavo. Dopo il sito archeologico la visita si sposterà al Monastero di Torba, dove la torre con funzione di avamposto militare costituiva uno degli elementi strategici del complesso del castrum di Castelseprio.

La visita parte dall’area archeologica di Castelseprio. Il punto di ritrovo è il parcheggio dell’area archeologica in via Castelvecchio 1513. Dopo circa 60 minuti di visita ci si sposta al Monastero di Torba (con mezzi propri), per proseguire la visita.

Il costo include: la visita guidata e l’incontro con l’equipe archeologica a Castelseprio + il biglietto di ingresso e la visita al Monastero di Torba.

Per i residenti di Castelseprio, Gornate Olona e i soci FAI il costo è ridotto e pari ad € 5: prenotazioni a bit.ly/scaviCastelseprio.

Per informazioni: cell. 328.8377206, email a info@archeologistics.it

E’ necessario il green pass o certificazione sostitutiva

Orlando Mastrillo
orlando.mastrillo@varesenews.it

Un cittadino bene informato vive meglio nella propria comunità. La buona informazione ha un valore. Se pensi che VareseNews faccia una buona informazione, sostienici!

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 06 Ottobre 2021
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Sito archeologico di Castelseprio 4 di 19

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.