Da Varese un aiuto concreto a più di 60 famiglie afghane

I fondi raccolti grazie alla cena dell'11 settembre. L'associazione culturale afghana ha organizzato la spedizione del denaro a Mazar-i Sharif. La presidentessa Ilaha Mezaary spiega cosa è stato fatto e racconta la situazione nel Paese occupato dai Talebani

Un aiuto concreto a più di 60 famiglie afghane. È il risultato della cena di finanziamento organizzata dalle ACLI e dall’Associazione Culturale Afghana in collaborazione con il PD varesino lo scorso 11 settembre, una data simbolo, anche se non ricercata, in cui ricorreva l’anniversario del ventennale dell’attentato alle Torri Gemelle a New York seguito dall’occupazione dell’Afghanistan delle truppe USA e degli stati alleati.

Galleria fotografica

Da Varese un aiuto concreto a più di 60 famiglie afghane 4 di 6

Grazie ai tanti partecipanti, sono stati raccolti e spediti nel paese occupato dai Talebani, per la precisione a Mazar-i Sharif, circa 3500 euro (4 mila euro raccolti, tolte le spese). Ogni famiglia riceverà 52 euro pari a 5 mila afgani, la moneta locale, cifra sufficiente per la sopravvivenza per un paio di mesi.

«Gli altri anni ci occupavamo dello smistamento del materiale, quest’anno non abbiamo potuto e abbiamo optato sulla consegna dei contanti – spiega Ilaha Mezaary, 20enne presidentessa dell’associazione culturale afghana -. Abbiamo organizzato la consegna in due punti della città afgana di Mazar-i Sharif per non creare assembramenti e per non essere individuati dai Talebani. Abbiamo fatto tutto sotto traccia, abbiamo spedito i soldi a persone di fiducia che poi li hanno distribuiti alle persone che ne hanno bisogno: abbiamo fatto firmare i beneficiari per tenere traccia delle consegne».

«In Afghanistan la situazione è critica, ci sono tantissime persone senza lavoro, che vendono tutto per guadagnare qualcosa – racconta Ilaha, nata in Afghanistan, da 9 anni in Italia, neo diplomata al Liceo Classico Cairoli di Varese e iscritta a Giurisprudenza all’Università Statale di Milano -. Si è tornati indietro di 20 anni, tutti vendono le proprie cose fuori di casa, ma anche le proprietà, i terreni, a bassissimo prezzo: pensate che un’auto che valeva 12 mila afghani adesso la vendono a 2 mila afghani. Sono in contatto con mia cugina che mi racconta della situazione delle donne: non possono uscire, lavorare, studiare. Sono a casa, se sono costrette a uscire di casa devono farlo coprendosi e mettendo il burqa o abbigliamenti che coprano tutto. Mia cugina non può andare al’Università, è laureata, ma voleva frequentare Giurisprudenza: i Talebani lo hanno detto chiaramente, le donne non possono ricoprire ruoli di rilievo».

L’associazione culturale afghana sta pensando ad altre iniziative: «Un’altra cena magari visto che a settembre abbiamo dovuto rifiutare prenotazioni a tanti che avrebbero voluto partecipare. Collaboro con altre cooperative per l’accoglienza delle persone che arriveranno dall’Afghanistan – chiosa Ilaha -. So che si sta cercando di sbloccare i corridoi umanitari per fare arrivare le famiglie: qui ne arriveranno una 70ina, a Varese una ventina».

Per chi volesse informazioni, può contattare mezaaryilaha@gmail.com.

Tommaso Guidotti
tommaso.guidotti@varesenews.it

A VareseNews ci sono nato. Ho visto crescere il giornale e la sua comunità, sperimentando ogni giorno cose nuove. I lettori sono la nostra linfa vitale, indispensabili per migliorare sempre.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 12 Ottobre 2021
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Da Varese un aiuto concreto a più di 60 famiglie afghane 4 di 6

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.