Patrizia Testa annuncia in consiglio a Busto Arsizio: “Pronta a rientrare in campo per la Pro Patria”

Nel secondo consiglio comunale la consigliera della lista Antonelli, che ha appena vendito il 90% della quote al consorzio Sgai, prova a rassicurare. Approvata la variazione di bilancio e le agevolazioni Tari

consiglio comunale busto arsizio 2021

Patrizia Testa annuncia di essere pronta a tornare in sella alla Pro Patria. Lo ha fatto ieri sera durante il consiglio comunale che ha ha approvato la sua presenza dopo aver venduto il 90% delle quote della società calcistica al consorzio Sgai, finito al centro delle polemiche dopo l’arresto del presidente Roberto Galloro per una presunta truffa nel settore energetico.

Patrizia Testa annuncia di essere pronta a tornare in campo

«In questo momento sono ancora sulla panchina della Pro Patria ma sono pronta a ritornare in campo qualora si rendesse necessario il mio intervento». Detta così sembra un avvertimento che prende le mosse dalle difficoltà riscontrate dalla nuova proprietà non solo sul fronte giudiziario. Sono molti i privati che stanno esprimendo le loro perplessità nei confronti del gruppo che si propone come intermediario per la messa in atto dei provvedimenti del governo in materia di ristrutturazione edile ecobonus e sismabonus.

L’assessore allo Sport Maurizio Artusa non ha avuto dubbi nel tessere le lodi della ex-presidentessa della nobile società calcistica: «Grazie per tutto quello che ha fatto per lo sport a Busto Arsizio. Ha risollevato le sorti della Pro Patria». Approvate le delibere per la risoluzione delle incompatibilità di Patrizia Testa e di Matteo Sabba.

Danni del maltempo del 19 settembre 

Subito dopo è stata approvata la delibera per la richiesta danni causati del maltempo del 19 settembre scorso: «Si tratta di fatti accadutil 19 setrembre 2021. Interventi fatti tempestivamente per edifici pubbliici allagati. Palazzo Comunale, polizia, scuole». Danni che scopriamo oggi, almeno come stampa, in quanto non c’è stata nessuna comunicazione ufficiale in merito mentre sono stati molti i privati che hanno subito danni a causa degli allagamenti.

La stessa consigliera del Pd Cinzia Berutti che ha presentato i problemi delle scuole Pontida: «Busto è città europea dello sport 2023 ma c’è una scuola che ha una palestra che è un seminterrato ed è quella delle Pontida (per alcune infiltrazioni nella palestra). Questo edificio è stato trascurato e la pioggia ha creato disagi». Antonelli risponde stizzito: «Vuole fare campagna elettorale in anticipo. Moderiamo i termini». La risposta della consigliera Berutti, che è maestra elementare, non si è fatta attendere: «Il mio intervento è stato misurato e corretto. Aspettavo una risposta dagli uffici sulla definizione della palestra Pontida. Per me tutti gli interventi su aspetti educativi sono importanti».

Agevolazione Tari

Il consiglio ha poi trattato il tema dell’allungamento dei termini sulle agevolazione per la Tari alle utenze non domestiche. Il capogruppo del Pd Maurizio Maggioni ha rilevato: «Forse manca una buona comunicazione perchè solo metà degli aventi diritto ha chiesto di poter accedere all’agevolazione. Scelta emersa dopo lavori commissione. Testa diceva che se utenze non domestiche devono accedere per diminuzione 30% fatturato questo pone limiti e difficoltà. Messi insieme due criteri che hanno creato confusione: quelli che hanno chiuso e quelli che hanno perso ma son rimasti aperti.

La variazione di bilancio

L’assessore al Bilancio Maurizio Artusa ha presentato la proposta di variazione di bilancio che conta maggiori spese per i servizi sociali, la pubblica istruzione, fondo sociale prima infanzia, pari opportunità, realtà aumentata al Museo del Tessile, maggiori spese per via del covid e altre voci di spesa. Per coprire le maggiori spese si è utilizzato l’avanzo di amministrazione di oltre 600 mila euro.

Pedotti del Pd è intervenuto sulla variazione di bilancio: «Bene gli interventi per pari opportunità ma critichiamo lo stanziamento di 300 mila euro per ricerca bandi: cosa intende cercare l’amministrazione? Critico le minori entrate dai controlli sull’evasione. Chi paga paga di più e chi non contribuisce continua a farlo». Castiglioni di Busto al Centro sottolinea il fatto che per il centro del Riuso, non ancora aperto, siano stanziati 25 mila euro per il 2022 e si chiede perchè ci siano 800 mila euro in più per lo smaltimento rifiuti: «Costi aggiuntivi non previsti per lo smaltimento rifiuti per 800 mila euro che potrebbero essere anche minori a fine anno». Antonelli ha risposto sui 25 mila euro per il centro del riuso: «Si tratta del costo del dipendente che gestisce il centro».

Orlando Mastrillo
orlando.mastrillo@varesenews.it

Un cittadino bene informato vive meglio nella propria comunità. La buona informazione ha un valore. Se pensi che VareseNews faccia una buona informazione, sostienici!

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 30 Novembre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.