Da Bugno a Consonni, la festa del ciclismo lombardo porta a Legnano i grandi campioni del pedale

Il comitato regionale lombardo della Federazione Ciclistica Italiana ha scelto il palco di Piazza IV Novembre per premiare i "suoi" campioni

Festa del ciclismo lombardo a Legnano

Quella tra Legnano e la bicicletta è una storia d’amore lunga ormai più di un secolo, tanto che nella Città del Carroccio i grandi nomi del ciclismo mondiale sono di casa: vedere l’albo d’oro della Coppa Bernocchi per credere. E domenica 5 dicembre è stata la festa del ciclismo lombardo a portare ancora una volta in città, sul tappeto rosso del Teatro Tirinnanzi, i ciclisti con la C maiuscola di ieri e di oggi, dall’oro olimpico Simone Consonni al due volte campione del mondo su strada Gianni Bugno.

Festa del ciclismo lombardo a Legnano

Il comitato regionale lombardo della Federazione Ciclistica Italiana ha infatti scelto il palco di Piazza IV Novembre per premiare i “suoi” campioni, quelli che alla Lombardia hanno portato tre medaglie dalle Olimpiadi, 14 dai campionati del mondo, 3 dai campionati europei e 63 dai campionati italiani. Sotto i riflettori legnanesi in una fredda mattinata che profumava di inverno sono sfilati Simone Consonni, oro nell’inseguimento a squadre a Tokyo insieme a Filippo Ganna, Francesco Lamon e Jonathan Milan, Marco Villa, commissario tecnico della nazionale di ciclismo su pista maschile, Filippo Baroncini, campione del mondo su strada Under 23, Dario Igor Belletta, campione del mondo juniores su pista, Marco Radaelli, campione del mondo juniores nella BMX, Simona Canipari e Roberta Amodeo, medaglie d’oro ai mondiali di paraciclismo. E con loro tutti gli altri atleti che hanno tenuto alto il nome della Regione, dal fuoristrada alla pista, dalla strada ai paralimpici, passando per il Team Colpack che ha vinto il giro d’Italia Under 23, per la Polstrada e per campioni senza tempo come Gianni Bugno, a 30 anni dalla prima maglia iridata, e Marino Vigna, l’ultimo nel 1960 a vincere l’oro olimpico nell’inseguimento a squadre prima del trionfo di Tokyo.

«L’annata che è partita con qualche difficoltà per la pandemia – ha sottolineato il presidente del comitato regionale della Lombardia della Federazione Ciclistica Italiana, “padrone di casa” insieme al presidente federale Cordiano Dagnoni -, ma siamo riusciti a proseguire molto bene, con un’attività intensa e ottimi risultati. Le rappresentative lombarde hanno girato l’Italia e l’Europa e tutto questo è stato possibile grazie all’attività delle centinaia di società lombarde e delle migliaia di volontari che ne fanno parte: sono il lavoro della società e la passione dei volontari che portano ai risultati, e i risultati quest’anno sono stati veramente importanti».

Festa del ciclismo lombardo a Legnano

Lavoro e passione come quelle che da sempre contraddistinguono l’U.S.Legnanese 1913, che in città per tutti è semplicemente la “Sportiva” e che oggi ha fatto da ospite per la festa del ciclismo lombardo collaborando con la FCI per l’organizzazione. «In una giornata come questa mi sento sui banchi di scuola – ha spiegato dal palco il presidente Luca Roveda -. Avere qui gli atleti paralimpici mi fa pensare a quanto sia importante per tutti noi trovare la risorse per farcela, nella mente con la convinzione e nel cuore con la passione: solo in questo modo possiamo raggiungere i risultati che ci prefissiamo e l’insegnamento del ciclismo e dello sport in questo senso possono fare molto».

Così come la cultura dello sport può fare molto per un cambio di passo che metta la bicicletta anche al centro di una “rivoluzione” nella mobilità, quella rivoluzione per la quale Legnano e tutto il territorio stanno spingendo sull’acceleratore. «Siamo orgogliosi di accogliere la festa del ciclismo lombardo non solo perché Legnano è la città della bicicletta – ha infatti ricordato il sindaco Lorenzo Radice -, ma anche perché sta lavorando su sé stessa per cambiare l’approccio alla bicicletta, per una mobilità dolce a portata di tutti, e come territorio attraverso i fondi del PNRR puntiamo a svilupparla tra tutti i nostri comuni».

leda.mocchetti@legnanonews.com
Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 05 Dicembre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.