Cinquantasei nuovi alloggi Aler a Busto Arsizio bloccati da 2 anni e c’è chi rischia di finire in strada

Sono in via Tito Speri dove l'azienda regionale ha speso 3,6 milioni tra ristrutturazioni e nuove realizzazioni. Mancano le certificazioni degli ascensori

case aler via tito speri busto arsizio

Mentre l’assessore ai Servizi Sociali Paola Reguzzoni è alle prese con 10 famiglie che rischiano di finire in mezzo ad una strada, in via Tito Speri ci sono 56 alloggi dell’Aler, pronti da fine 2019, ma ancora chiusi e sigillati. Il paradosso è grande come un condominio dalle facciate colorate di un giallo luminosissimo e ad aggravare il tutto è la motivazione che sarebbe alla base di questa mancata assegnazione: la ditta che ha realizzato gli ascensori non avrebbe rilasciato le certificazioni in quanto Aler non avrebbe pagato i lavori eseguiti.

Galleria fotografica

Gli alloggi Aler di via Tito Speri a Busto Arsizio 4 di 8

Così un’azienda tiene in ostaggio un’altra azienda e le 56 famiglie che potrebbero beneficiare di questo importante intervento edilizio pubblico costato 3,6 milioni di euro. Un’assurdità che si aggiunge ad altre sparse per la città tra appartamenti fatiscenti che non vengono ristrutturati e quindi impossibili da assegnare e una difficoltà a dialogare con le amministrazioni locali che, a Busto Arsizio come altrove, si è aggravata dall’accorpamento della sede di Busto Arsizio con Monza, Como e Varese.

Il cantiere di via Tito Speri è stato smontato da oltre due anni e da allora non si è riusciti ad uscire dalla situazione di stallo. Nel frattempo sono cresciute le erbacce e le cassette della posta sono piene di volantini di supermercati ormai marci a causa delle intemperie. Il rischio è che qualcuno, mentre ormai è arrivato il freddo inverno, provi a forzare gli ingressi per cercare un riparo al chiuso.

L’assessore Reguzzoni commenta con amarezza: «Purtroppo il Comune non può intervenire se non facendo pressione su Aler perchè sblocchi la situazione. Ho carenza di alloggi di emergenza e dieci famiglie che rischiano di finire in mezzo ad una strada».

Orlando Mastrillo
orlando.mastrillo@varesenews.it

Un cittadino bene informato vive meglio nella propria comunità. La buona informazione ha un valore. Se pensi che VareseNews faccia una buona informazione, sostienici!

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 06 Dicembre 2021
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Gli alloggi Aler di via Tito Speri a Busto Arsizio 4 di 8

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. carlo_colombo
    Scritto da carlo_colombo

    Mi pare più corretto dire che non è un’azienda, quella che ha installato gli ascensori, ma Aler che non l’ha pagata, a tenere in ostaggio le 56 famiglie.
    Possibile che dopo due anni non si sia risolta la questione?

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.