Le associazioni in presidio all’ospedale di Gallarate per la medicina di prossimità

"Io non ho tempo, ho bisogno oggi": si legge sui cartelli dei manifestanti in presidio davanti all'ospedale di Gallarate

associazioni ospedale di gallarate presidio

Un centinaio di persone si sono riunite davanti all’ospedale di Gallarate questa mattina, sabato 11 dicembre, per chiedere a Regione Lombardia di essere coinvolte nelle scelte di medicina territoriale: tanti volontari, malati e loro famigliari delle associazioni del territorio Aspi Insubria, Aisla, associazione Alzheimer, Aacssm e Avulss hanno risposto all’appello.

Galleria fotografica

Presidio associazioni di Gallarate all'ospedale 4 di 19

«Oggi non troviamo i bisogni della salute in questo ospedale, ed è il primo desiderio che ci ha mosso a manifestare», ha raccontato Giulia Quaglin di Aspi Insubria (associazione Parkinson) di Cassano Magnago, «trovavamo eccellenze nel nostro territorio e ora no, abbiamo paura: vediamo che la medicina si è spostata sul singolo e non sulla collettività».

Se in piena fase emergenziale dovuta al Covid-19 la riabilitazione è venuta a mancare o è stata frammentata, «ora il Covid non può essere una scusante del ridimensionamento e azzeramento dei servizi dei servizi. Vi è necessità di mantenere comunque, anche in attesa dei tempi di un ospedale nuovo, i servizi essenziali per la salute della comunità».

Attenzione alla cronicità

Il problema maggiore riscontrato dai volontari e dalle famiglie delle associazioni che si occupano di malati cronici gravi, è che la cronicità è «lasciata ai margini», ha continuato Quaglin: «La medicina, focalizzata sul singolo, si occupa solo dell’acuto e la sanità territoriale viene dimenticata».

Da qui la richiesta di partecipazione ai vertici di Regione Lombardia: «Noi vogliamo essere partecipi e dare voce al bisogno di prendersi cura della collettività, saper accompagnare la fragilità e le persone con la concretezza delle cure. Abbiamo bisogno di riscoprire una nostra esistenza come associazioni: non possiamo esistere senza un territorio che non ci ascolta. Noi siamo solidali con l’ospedale e i medici, ma le istituzioni devono accorgersi che la linea va cambiata, perché noi associazioni dobbiamo continuare a essere proattivi e dare risposte».

associazioni ospedale di gallarate presidio
Giulia Quaglin

Il nodo del loro dissenso non è l’ospedale unico – «Per un ospedale di eccellenza ci sta che uno si sposti a Busto Arsizio», ha precisato Quaglin -, ma la frammentazione della sanità territoriale.

«L’ospedale di Gallarate che fine fa? Perché per un bisogno cronico, quotidiano, non ci si può spostare fino all’ospedale unico. Se non abbiamo un riferimento sul territorio dove mandiamo le persone? Questo ci preoccupa. Noi crediamo che ospedale unico sia utile ma non capiamo il nostro ruolo».

La manifestazione, molto partecipata, di questa mattina è solo il primo passo delle associazioni, che sperano di essere coinvolti da Regione Lombardia: «Sicuramente dopo oggi non ci fermeremo, questo è solo il primo passaggio».

Nicole Erbetti
nicole.erbetti@gmail.com

Per me scrivere significa dare voce a chi non la ha. Il giornalismo locale è il primo passo per un nuovo, empatico e responsabile incontro con il lettore. Join in!

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 11 Dicembre 2021
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Presidio associazioni di Gallarate all'ospedale 4 di 19

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.