Varese News

Natale 2021, la meraviglia dei Mercatini di Natale in Alto Adige

I Mercatini di Natale sono luoghi di pura magia, dove vivere un’esperienza unica, tra stupore e meraviglia, tra storia e folklore

natale

I Mercatini di Natale sono luoghi di pura magia, dove vivere un’esperienza unica, tra stupore e meraviglia, tra storia e folklore. In questa ricerca a cura del giornale online L’Opinionista andiamo a vedere origini, caratteristiche e curiosità su questi mercatini. Nacquero nei territori compresi tra la Germania e l’Alsazia nel XIV secolo; il primo in assoluto ebbe luogo a Dresda il lunedì precedente il Natale del 1434. Conosciuti inizialmente come Mercatini di San Nicola, dopo la riforma luterana del 1517 cambiarono il loro nome in Christkindlmarkt (Mercato del Bambino Gesù) e si diffusero in tutta la Germania. Nel tempo l’interesse verso queste mostre è cresciuto fino ad espandersi un po’ ovunque. Oggi, come nel ‘400, molte località, nel periodo dell’Avvento e, in alcuni casi fino all’Epifania, tornano ad essere mercati che offrono oggetti artigianali in legno, stoffa o ceramica insieme a prodotti di enogastronomia.

Aggirarsi tra casette in legno addobbate a festa da luminarie e festoni e bancarelle è una esperienza che conquista grandi e piccini. É l’occasione per curiosare in cerca di oggetti artigianali da acquistare, per trovare idee regali originali o per assaporare i prodotti tipici del territorio. Ovunque non mancano canti e cori natalizi, giochi e giostre e, in molti casi, Babbo Natale apre le porte della sua magica casa per incontrare i più piccoli. Luci, colori, profumi, suoni per una atmosfera magica come solo quella del Natale sa essere.

In Italia, i Mercatini di Natale dell’Alto Adige sono, per  tradizione i più datati e originali. Ognuna delle cinque sedi dei Mercatini ha un fascino tutto suo: Bolzano con la splendida piazza Walther, Merano con i suoi grandi alberi decorati e le casette di design lungo il Passirio, Bressanone e Brunico con i loro antichissimi centri storici e Vipiteno con la sua città vecchia. Quest’anno, dopo la pausa forzata del 2020 dovuta alle restrizioni imposte dalla pandemia, sono tornati e si potranno visitare fino al prossimo 6 gennaio nel pieno rispetto della normativa anti-Covid vigente. Andiamo a scoprirli insieme, partendo dal capoluogo.

La  trentesima edizione del Mercatino di Natale, a Bolzano, si svolge nella storica sede di piazza Walther, con oltre 80 espositori che nelle caratteristiche casette in legno propongono figure del presepe intagliate a mano, addobbi per l’albero in vetro, legno e ceramica, candele e tante idee regalo all’insegna della più genuina tradizione artigianale sudtirolese e in una calda e avvolgente atmosfera natalizia. Il profumo è quello di cannella e spezie, di legno di montagna e di dolci fatti in casa, di vin brulé e di abeti decorati a festa. La luce è quella delle casette di legno tutte ordinate ed addobbate, è quella che viene dall’albero di Natale e che brilla negli occhi dei bambini. Le dolci note di canti natalizi e allegra armonia che si sprigiona nell’aria; i sapori ricordano lo “Zelten” con canditi, strudel di mele, biscotti fatti in casa. Il calore fra le mani della lana cotta, del loden, delle candele decorate, di una tazza fumante in compagnia di amici. I numerosi stand gastronomici invitano a gustare i piatti tirolesi, come i tradizionali “brezel” o lo strudel di mele, mentre i ristoranti nelle vicinanze del mercatino propongono ricchi menù natalizi e prodotti biologici di stagione.

Vipiteno, inserito tra i “Borghi più belli d’Italia”, è pervaso dal suono delle campane tutto l’anno: dal tono soffocato e gentile della campana della chiesa al tintinnio brillante ed eccitato delle campane degli animali tutte le campane hanno sempre qualcosa da dirci. Ma le campane non suonano mai così dolcemente come a Natale. Può essere l’atmosfera speciale che ci regala il periodo più magico dell’anno o, forse, i meravigliosi ricordi ai quali lo associamo. Proprio per questo il Natale a Vipiteno quest’anno ha come tema le “Campane di Natale”. Il mercatino é situato nella storica piazza Città, ai piedi dell’imponente Torre delle Dodici: trentaquattro casette avvolgono con simpatiche idee regalo, lavorazioni artigianali e decorazioni natalizie, affiancate da stand gastronomici dove degustare una variegata selezione di piatti tradizionali dell’Alto Adige. Non manca la possibilità di visitare la alla Mostra dei Presepi esposti per l’occasione nella Torre delle Dodici o di concedersi piacevoli gite in carrozza attraverso le vie del centro.

A Merano, definita la “perla dell’Alto Adige”, le sessantasette bancarelle sono posizionate tra il ponte Teatro e il ponte della Posta, sulla passeggiata Lungo Passirio, a pochi metri dalle Terme e dal Kurhaus, un edificio ottocentesco in stile liberty simbolo della città. Propongono gastronomia artigianato, decorazioni e sono accompagnate da un vario programma d’animazione con musiche, recite, letture di fiabe e leggende in un’atmosfera unica, ricca di emozioni e sensazioni natalizie.

Nel centro di Brunico gli ospiti possono trovare bancarelle con prodotti di artigianato locale, dolci natalizi, decorazioni fatte a mano e prelibatezze culinarie. Non manca un ricco programma d’intrattenimento con concerti, musica, laboratori. Al centro del Mercatino di Natale ci sono l’artigianato e le tradizioni locali. È per questo che alcuni artigiani mostreranno dal vivo, all’interno di un grosso capannone in legno, come vengono realizzati i prodotti tradizionali dell’Alto Adige.

Concludiamo il nostro tour virtuale dei Mercatini altoatesini con quello di Bressanone, allestito in Piazza del Duomo, incorniciato dal Duomo, dalla chiesa parrocchiale di San Michele e dal municipio, e pronto ad accogliere gli ospiti con melodie e profumi natalizi che fanno bene al cuore cuore e il vin brulè che scalda il corpo. I banchi del Mercatino, amorevolmente e rigorosamente, decorati in stile natalizio, espongono statuine in legno, presepi con le loro figurine, oggetti in terracotta fatti a mano, sfere di vetro colorate, articoli da regalo tirolesi e decorazioni natalizie. Immancabili gli stand gastronomici, che invitano ad assaggiare le specialità della Valle Isarco.

Il Natale in Alto Adige, e non solo, va vissuto con tutti i sensi … lasciatevi trascinare da tutta la sua magia!

Ricerca a cura di Marina Denegri.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 17 Dicembre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.