Beni per 800 mila euro confiscati dalla Finanza alla contabile infedele di Gallarate

Il provvedimento allo scadere dei tempi giudiziari: la sentenza di condanna è diventata definitiva per fatti che risalgono al 2019

Polizia e Guardia di Finanza

Barche, moto, beni di valore per un equivalente di 800 mila euro.

I finanzieri del Comando Provinciale di Varese hanno dato esecuzione a una sentenza del Tribunale di Milano con la quale è stata disposta, tra l’altro, la confisca di tre autovetture, quattro motocicli, un quadriciclo ed una imbarcazione a vela di oltre 10 metri che, dopo essere già stati sequestrati nel corso delle indagini preliminari nei confronti dell’imputata, ora sono stati definitivamente acquisiti al patrimonio dello Stato.

Tale provvedimento è giunto al termine di tutti i gradi di giudizio che hanno portato alla condanna alla pena di tre anni di reclusione, divenuta definitiva a seguito di pronuncia della Corte di Cassazione, di una donna residente a Gallarate che, in base alle indagini svolte nel 2019 dal Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Varese, aveva sottratto fraudolentemente le password/token di accesso ai numerosi conti correnti di una società di Varese facente parte di una multinazionale tedesca leader mondiale nell’ottimizzazione dell’acqua potabile.

In particolare, all’epoca impiegata della società, attraverso l’alterazione del software gestionale in uso all’azienda, la stessa aveva simulato contabilmente l’esecuzione di pagamenti a fornitori, sostituendo le coordinate bancarie dei legittimi destinatari dei bonifici con quelle riferite alla propria persona, appropriandosi di ingenti somme proprio grazie all’alterazione del software gestionale in uso all’azienda.

Al termine delle indagini preliminari consistite nella minuziosa analisi di materiale informatico, di accertamenti bancari e patrimoniali, nonché di escussione di persone informate sui fatti, la polizia economico-finanziaria aveva proceduto alla ricostruzione del volume dei proventi illecitamente accumulati dalla principale responsabile, quantificati in oltre € 1,8 milioni, che sono stati oggetto di segnalazione alla Procura di Milano nonché, per il relativo recupero a tassazione, una maggiore imposta (evasa) pari a € 890.900, ai competenti uffici finanziari.

I risultati dell’indagine condotta trasversalmente tanto sotto il profilo amministrativo- tributario quanto quello penale confermano l’impegno della Guardia di Finanza nella salvaguardia della legalità nel tessuto socio- produttivo ed a sostegno delle imprese che subiscono forme di illecito economico-finanziario in loro danno.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 28 Gennaio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. massimiliano_buzzi
    Scritto da massimiliano_buzzi

    si ma il materiale sequestrato e le sanzioni coprono la somma derubata, inclusi interessi e costi di personale GDF per l’istruttoria e processo?

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.