Comuni uniti per far fronte alle sfide del PNRR, Busto Arsizio capofila in provincia di Varese

Oltre ai primi cittadini di Busto Arsizio, Varese, Castellanza, Cardano al Campo, Caronno Pertusella, Cassano Magnago, Gallarate, Luino, Malnate, Samarate, Saronno, Somma Lombardo, Tradate hanno partecipato assessori, segretari comunali e dirigenti tecnici dei Comuni

Cantiere aperto all'ex Cantoni di Saronno. Le fotografie di Luigi Palma

Si sono incontrati oggi (martedì 18 gennaio) i sindaci delle principali città del territorio, riuniti “a distanza” dai sindaci di Busto Arsizio Emanuele Antonelli e di Varese Davide Galimberti per un confronto sulle opportunità offerte al territorio dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e sull’impegno amministrativo e progettuale che i Comuni dovranno mettere in campo per partecipare ai bandi, realizzare i progetti e rendicontarli nei tempi (5 anni) fissati dall’Europa.

Oltre ai primi cittadini Mirella Cerini (Castellanza), Maurizio Colombo (Cardano al Campo), Marco Giudici (Caronno Pertusella), Nicola Poliseno (Cassano Magnago), Andrea Cassani (Gallarate), Enrico Bianchi (Luino), Maria Irene Bellifemmine (Malnate), Enrico Puricelli (Samarate), Franco Casali (assessore alla mobilità del Comune di Saronno  in rappresentanza del sindaco Augusto Airoldi), Stefano Bellaria (Somma Lombardo) e Giuseppe Bascialla (Tradate), l’incontro ha visto la partecipazione anche di alcuni assessori, segretari comunali e dirigenti tecnici dei comuni.

Dal confronto è emersa una grande sintonia sulla necessità di fare rete e di collaborare per non perdere un’occasione unica: tutti i Comuni si sono detti interessati a trovare un modus operandi che possa portare vantaggi a tutto il territorio. Fondamentale sarà la condivisione di tutte le informazioni necessarie per mettere gli uffici in condizione di attivare le procedure amministrative e informatiche in maniera corretta per poi procedere con le progettazioni.

Non sono mancati accenni alle problematiche emerse nelle ultime settimane, come le tempistiche di partecipazione ai bandi molto brevi, la carenza dei professionisti, in questo momento storico richiestissimi anche per le attività legate ai bonus fiscali, oppure le difficoltà di rapportarsi con la Sovrintendenza, ente chiamato a dare pareri vincolanti su alcuni studi di fattibilità.

Al sindaco di Busto Arsizio Antonelli il compito di fare sintesi tra le proposte emerse durante l’incontro, che sarà solo il primo di una serie: nei prossimi giorni i Comuni predisporranno l’elenco delle tematiche a cui sono più interessati, evidenziando eventualmente anche progettualità di interesse sovracomunale, e dei tecnici incaricati di gestire la partecipazione ai bandi.

Si creeranno così dei tavoli di lavoro operativi in cui si metteranno a fattor comune conoscenze ed esperienze e si attiveranno collaborazioni soprattutto per la gestione delle procedure amministrative, attraverso lo strumento dell’accordo di programma e eventualmente con il ricorso a professionisti esterni che possano fungere da consulenti per i vari tavoli.

Importante sarà anche il confronto con gli ordini professionali del territorio e non mancherà la collaborazione della Provincia di Varese, da sempre disponibile a offrire supporto ai Comuni in vari ambiti. Sarà proprio il Comune di Busto a raccogliere i desiderata e le indicazioni degli altri Comuni (non solo di quelli presenti oggi ma eventualmente anche degli altri Comuni della Provincia interessati) e a organizzare le prossime riunioni dei tavoli.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 18 Gennaio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.