Simposio del progetto “Giovani pensatori” dell’Insubria dedicato a storia e tradizioni del lago di Varese

«Alla scoperta del Lago di Varese tra storia, tradizione e tutela» è l'incontro online che l'ateneo propone venerdì 14 gennaio nell’ambito delle attività formative per la XIII edizione del progetto

Lago di Varese - foto di Bruno Greco

Promuovere il lavoro di conservazione delle fonti, orali e scritte, per un’attività di ricerca e di valorizzazione continua. Questo l’obiettivo della conferenza «Alla scoperta del Lago di Varese tra storia, tradizione e tutela» proposta online venerdì 14 gennaio dalle ore 15 alle 17 dall’Università dell’Insubria. Organizza Fabio Minazzi, direttore scientifico del Centro Internazionale Insubrico, nell’ambito delle attività formative per la XIII edizione del progetto Giovani Pensatori.

A due settimane dall’approvazione del nuovo statuto dell’ormai centenaria Cooperativa pescatori del Lago di Varese, il Centro speciale di ricerca dell’Insubria, che comprende anche l’Archivio storico del Territorio dei Laghi Varesini, presenta ufficialmente il volume «Il Lago dei Poveri. Archivio dei Laghi Varesini» (Mimesis edizioni, 2020), curato dallo storico Amerigo Giorgetti e corredato da 34 fotografie di Carlo Meazza.

«L’Archivio storico del Territorio dei Laghi Varesini – spiega Fabio Minazzi – contiene varie centinaia di documenti originali, riordinati, inventariati e informatizzati a disposizione dei ricercatori presso il nostro Centro Internazionale Insubrico di Varese per approfondire la conoscenza dei popoli della riva, sopravvissuti per vari secoli esercitando la libera pesca comunitaria sui laghi e il pascolo promiscuo nelle terre comuni».

«Il lago dei poveri – sottolinea Amerigo Giorgetti – non è un’espressione poetico-patetica, ma un termine giuridico con cui nei documenti antichi si indica proprio il campo della libera pesca comunitaria. E i poveri sono quei paesani che per la loro sopravvivenza devono far conto e godere di vari usi civici delle terre e delle acque comuni».

Al simposio, che si tiene sulla piattaforma digitale Microsoft Teams, intervengono: Amerigo Giorgetti (curatore dell’Archivio storico del Territorio dei Laghi varesini presso il Centro Internazionale Insubrico), Tiziana Zanetti (esperta in diritto dell’arte e del patrimonio culturale e studiosa della cultura immateriale), Carlo Meazza (fotografo professionista), Antonella Frecentese (collaboratrice del Centro Internazionale Insubrico e già docente dell’Itet Daverio Casula Nervi di Varese) e Fabio Minazzi.

Il link per partecipare: https://www.uninsubria.it/lago-giovani-pensatori

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 12 Gennaio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.