La Lega di Varese approfondisce i temi del referendum per cominciare la battaglia del 12 giugno

A parlarne la consigliera regionale Francesca Brianza nella sede della lega varesina in piazza Podestà

Francesca Brianza spiega i referendum agli attivisti della Lega

Una riunione destinata in prima battuta agli attivisti, per affrontare il clou della campagna referendaria: è quella che si è svolta nella serata del 19 maggio alla sede della Lega di Varese, in piazza Podestà per chiamare a raccolta i cittadini per «uno dei più importanti referendum della storia repubblicana, destinato ad ottenere una giustizia più giusta» come l’ha definito Marco Bordonaro, commissario cittadino della Lega.

Galleria fotografica

La Lega di Varese approfondisce i temi del referendum per cominciare la battaglia del 12 giugno 4 di 5

«Oggi abbiamo un compito fondamentale: quello di non perdere le firme che abbiamo con tanto impegno raccolto in questi mesi – Ha spiegato la consigliera regionale Francesca Brianza chiamata a relazionare sull’argomento – Sui referendum è calato il totale silenzio: non si sa nemmeno che il 12 di giugno oltre alle amministrative c’è anche referendum, figurarsi se si sa cosa è l’oggetto».

Eppure, secondo Brianza: «Questi referendum prima ancora di essere votati, sono già stati di pungolo alla riforma della giustizia, ora dibattuta in parlamento. Questo non deve scoraggiare dal votare, anzi a maggior ragione è importante votare, per segnalare a chi affronta nella riforma della giustizia, qual è la voce popolare in merito».

Il dibattito è molto acceso: «In questi giorni avete sentito dello sciopero della magistratura, che ha dato segnale preciso anche se adesioni non sono state numerose – ha sottolineato Brianza -. La magistratura è stata molto critica sui referendum li ha ritenuti inutili. Solo questa eccezionale mobilitazione dovrebbe farci capire quanto è importante il referendum». Dopo le premesse, la consigliera regionale è entrata nel merito dei 5 quesiti, approfondendoli per la platea degli attivisti: la riforma del Consiglio Superiore della Magistratura, l’equa valutazione dei magistrati, la separazione delle carriere dei magistrati sulla base della distinzione tra funzioni giudicanti e requirenti, i limiti agli abusi della custodia cautelare e l’abolizione del decreto Severino.

La campagna sui referendum, conclusa la prima fase della raccolta delle firme, entrerà dal prossimo weekend nel vivo per chiamare al voto i cittadini. «la campagna vedrà innanzitutto la riattivazione dei Gazebo – spiega Carla Minonzio, referente varesina della campagna referendaria – i primi saranno sabato prossimo e la domenica dopo. Da segnare come importante anche l’Incontro dibattito informativo a palazzo estense, previsto per la sera del 6 giugno».

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 19 Maggio 2022
Leggi i commenti

Galleria fotografica

La Lega di Varese approfondisce i temi del referendum per cominciare la battaglia del 12 giugno 4 di 5

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.