“Malgioglio ha denigrato la Moldavia”: l’associazione Italia Moldavia di Besozzo contro il commentatore dell’Eurovision

Il presidente Gian Luca del Marco invoca: "un atto di scuse pubbliche da inoltrare alle autorità moldave quale gesto riparatore per l’offesa, a nostro avviso, subita da una intera comunità"

Cristiano Malgioglio

Che non amasse quella band, è stato subito chiaro a tutti  gli oltre sei milioni di spettatori di Eurovision song Contest 2022, che quest’anno, poichè in onda da Torino – sede 2022 del festival europeo della musica – è stato trasmesso su Rai Uno, inanellando oltre il 41% di share.

Ma le battutine sulla canzone della Moldavia, arrivata settima subito dopo l’Italia, sono state considerate troppo sopra le righe dall’associazione Italia-Moldavia di Besozzo, che ha scritto una lettera alla Commissione di Vigilanza della RAI, denunciando come: «Uno dei tre commentatori del programma, il cantante e paroliere Cristiano Malgioglio, noto e stravagante personaggio televisivo, ha più volte espresso giudizi di estrema negatività in merito all’esibizione del gruppo artistico moldavo “Zdob i Zdu and Advahov Brothers”, sottolineando, a giudizio di molti, con forza e crudeltà, immeritate critiche al valore artistico del gruppo ed alla canzone rappresentata – ha scritto Gian Luca del Marco, in qualità di presidente dell’Associazione Italia-Moldova –  Rilevato che lo stesso ha, in virtù della sua notorietà televisiva, palesemente influenzato la giuria popolare, tradendo il ruolo di puro commentatore e di traduttore in italiano di quanto espresso dai reali presentatori dell’Eurovision in lingua inglese; Considerato che i malevoli giudizi attinenti al valore professionale del gruppo moldavo hanno investito anche la sfera personale degli stessi, offendo di fatto l’intera comunità di circa 250.000 cittadini moldavi presenti sul territorio italiano; Si chiede con forza che questa Commissione valuti il comportamento del Malgioglio in relazione a quanto sopra esposto al fine di verificare se sussistano fondati e reali motivi per stigmatizzare quanto accaduto, invocando un atto di scuse pubbliche da inoltrare alle autorità moldave quale gesto riparatore per l’offesa, a nostro avviso, subita da una intera comunità».

Nella lettera alla commissione, De Marco scrive anche «Preso atto che il Malgioglio durante tutta la programmazione del concorso canoro ha espresso commenti negativi e manifestato parole di avversità solo ed esclusivamente nei confronti del gruppo moldavo». Ma su quello, chi scrive ha una precisazione da fare: da quel punto di vista Malgioglio è stato assolutamente “democratico”, dispensando commenti negativi o maliziosi il popolare “commentatore sopra le righe” a destra e a manca durante la trasmissione.

Tra i più noti quello che considerava una “Jennifer Lopez del discount” la cantante spagnola, o le bocciature senza pietà dei brani della Norvegia e della Serbia.

IL VIDEO DELLA LORO PRIMA ESIBIZIONE ALL’EUROVISION SONG CONTEST

La canzone dei moldavi in realtà è stata apprezzatissima dal pubblico – e anche dagli altri commentatori – ecco la prima esibizione dei Zdob şi Zdub & Advahov Brothers con la loro Trenulețul.

 

Stefania Radman
stefania.radman@varesenews.it

Il web è meraviglioso finchè menti appassionate lo aggiornano di contenuti interessanti, piacevoli, utili. Io, con i miei colleghi di VareseNews, ci provo ogni giorno. Ci sosterrai? 

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 16 Maggio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da lenny54

    Purtroppo di questi tempi, personaggi come Malgioglio vengono scritturati e pagati come fossero “artisti” e non come cortigiani del re..!!!

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.