Ultimi giorni di scuola, anche nel Varesotto torna l’allegria dei bimbi in gita

Per i più piccoli sono soprattutto escursioni in giornata e "a chilometro zero". Sul Lago Maggiore tornano anche i gruppi più numerosi, come quelli del progetto Erasmus arrivati ad Angera

Generica 2020

Cappellino, zainetto e file, più o meno ordinate, che procedono mano nella mano. Rivedere i bambini in gita, dopo due anni segnati da mascherine, quarantene e didattica a distanza, fa un certo effetto e sicuramente fa sorridere.

Le escursioni e alcuni viaggi scolastici sono ripresi, in alcune scuole, già da diversi mesi, ma in questi giorni capita più spesso di incontrare comitive di studenti, soprattutto delle scuole elementari. Come quelli “ricomparsi” tra le vie dei borghi turistici del Basso Verbano, sia sulla sponda lombarda che su quella piemontese.

Ad Angera, le gite degli studenti sono riprese ormai da diversi giorni. Lo conferma l’assessore al turismo, Valeria Baietti: «L’infopoint all’imbarcadero ha registrato un buon movimento di turisti e di gruppi organizzati. Chiedono informazioni su Angera o partono da qui, verso le altre località del Lago Maggiore – spiega -. Uno dei gruppi più numerosi era di studenti del progetto Erasmus, arrivati a inizio mese dalle scuole superiori di Tradate».

Le gite organizzate in questo periodo ancora particolare e delicato, sono perlopiù uscite a “chilometro zero”: escursioni in giornata o semplici passeggiate all’aria aperta con la natura protagonista (Qui il progetto delle scuole di Bobbiate e la gita a Bregazzana dei bimbi di Varese)  Ma la sensazione è quella di un ritorno alla dimensione della scoperta che caratterizza queste esperienze.

bambini in gita a bregazzana

In questo angolo del Varesotto una delle mete più gettonate è naturalmente la Rocca ma c’è anche molta attenzione anche verso le aree protette, come l’Oasi della Bruschera in riva al Lago Maggiore dove capita di incontrare anche i bambini delle scuole dell’infanzia. 

Sono riprese molto bene anche le attività organizzate in collaborazione con le aziende (ieri alla Goglio di Daverio i bambini della primaria hanno piantato 40 nuovi alberi all’interno dello stabilimento) e, grande passione dei più piccoli, quelle nelle fattorie, come confermano dall’agriturismo Vecchio Castagno di Ranco:  «Abbiamo ospitato nei giorni scorsi diversi gruppi di bambini che vengono da noi per la didattica ed è un piacere ripartire con questi piccoli visitatori».

 

 

 

 

Maria Carla Cebrelli
mariacarla.cebrelli@varesenews.it

Mi piace andare alla ricerca di piccole storie, cercare la bellezza dietro casa, scoprire idee slow in un mondo fast. E naturalmente condividerlo. Se credi che sia un valore, sostienici.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 21 Maggio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.