Per cinque volte tentano di incastrarlo con la truffa dello specchietto a Venegono Superiore

È successo ad un uomo di 68 anni che per fortuna non è mai caduto nella trappola di questi automobilisti che si dicono disposti a chiudere un occhio e non fare la constatazione amichevole, dopo un "piccolo incidente", inesistente, pur di incassare subito i soldi

generiche

Essere vittima della truffa dello specchietto ormai, purtroppo, non costituisce più nemmeno una notizia. Finire per ben cinque volte nel mirino di questi truffatori della strada, decisamente lo è.

È accaduto a Venegono Superiore a un signore di 68 anni che per fortuna non è mai caduta nella trappola di questi automobilisti che si dicono disposti a chiudere un occhio e non fare la constatazione amichevole, dopo un “piccolo incidente”, inesistente, pur di incassare subito i soldi del risarcimento. «Come funziona la truffa ormai è noto – dice la comandante della Polizia Locale di Venegono Superiore Mariangela Cassese – Lo abbiamo spiegato più volte anche ai cittadini ed evidentemente è stato molto utile. Questo signore è venuto agli incontri organizzati dal Controllo del Vicinato ed era preparato a quello che gli sarebbe potuto capitare». E che infatti è successo, per ben cinque volte.

Solito meccanismo: l’auto passa da una strada stretta, incrocia una vettura ferma, la sorpassa e si sente un colpo secco. «Il truffatore usa un bastone nero per dare per un piccolo colpo all’auto che sta transitando – dice ancora la comandante Cassese – Il bastone lascia anche un segno sull’auto a dimostrazione che lo scontro c’è stato. I due automobilisti scendono e a quel punto scatta la trattativa: lo specchietto è rotto, lo era già prima ovviamente, e l’uomo chiede soldi per evitare lungaggini burocartiche. Se l’altro fa resistenza, soprattutto se anziano, scattano le minacce. Il truffatore dice che chiamerà i carabinieri, farà denunce e l’altro spaventato accetta di pagare».

Ma non l’uomo di Venegono che per ben cinque volte ha fatto fuggire chi lo voleva incastrare ed è andato a raccontare tutto alla Polizia Locale. «A quel punto cerchiamo l’auto nei varchi, ma quasi sempre i truffatori hanno già lasciato il paese e cambiato zona. State in guardia, perché questa trucchetto non passa mai di moda»

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 19 Maggio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.