“What is Europe to you?”. A Palazzo Pirelli la mostra che celebra l’Europa

E’ il titolo della mostra fotografica inaugurata oggi a Palazzo Pirelli e che resterà esposta fino al 17 maggio, allestita in occasione delle celebrazioni previste per la Festa dell’Europa che cade lunedì 9 maggio

varie

“Cos’è l’Europa per te?”. E’ il titolo della mostra fotografica inaugurata oggi a Palazzo Pirelli e che resterà esposta fino al 17 maggio, allestita in occasione delle celebrazioni previste per la Festa dell’Europa che cade lunedì 9 maggio.

Fotografie, autoritratti, collage, video e installazioni sono il filo conduttore del percorso che accompagnerà i visitatori in un viaggio tra i cittadini europei per scoprire cosa pensano dell’Europa e raccolti dall’artista Lisa Borgiani durante i suoi viaggi nelle capitali europee.

La mostra, esposta nella Sala Eventi al primo piano di Palazzo Pirelli e curata da Gigliola Foschi, è promossa dal Consiglio regionale della Lombardia con il sostegno della Rappresentanza italiana presso la Commissione europea e di Fondazione Cariplo, in collaborazione con Europe Direct Lombardia.

«Qui – ha detto il Presidente del Consiglio regionale – c’è la storia di come si è arrivati a una comunità libera all’interno dei confini e visitarla è ancora più emozionate in un momento storico come questo dove la pace, che fino a qualche mese fa ritenevamo un diritto scontato, ora è messa in discussione da una guerra. E’ una mostra bella che ci permette di capire le radici della Comunità europea e di coglierne e riscoprirne i valori fondanti».

«La mostra ci consegna un messaggio importante – ha detto il Presidente della Commissione Bilancio – perché attraverso foto e brevi frasi racconta come viene vissuta l’Europa dai cittadini. Ed è un messaggio confortante ed emozionante perché emerge l’orgoglio di sentirsi europei. Questa è la strada su cui continuare».

«Ne vengono fuori tante idee dell’Europa – ha detto la curatrice della mostra Gigliola Foschi- che possono essere spunti per capire i sentimenti dei cittadini europei verso l’Europa, i loro desideri, le loro aspettative e la loro speranza per un’Europa migliore, più forte e maggiormente capace di creare un senso di comunità e collettività».

«E’ un lavoro – ha spiegato Lisa Borgiani – nato nel 2019 ad Atene, proseguito a Berlino, Milano, Roma, Parigi e Budapest e che voglio continuare in altri capitali per offrire uno spaccato sociale diversificato e significativo capace di evidenziare i sentimenti e i pareri associati all’Europa. Ho sempre scelto persone a caso per avere una risposta spontanea, immediata, quasi istintiva».

Presente all’inaugurazione Massimo Gaudina, Capo della Rappresentanza a Milano della Commissione europea: sono intervenuti anche il Vice Presidente del Consiglio regionale e il Consigliere Segretario espressione dei gruppi di minoranza.

Una mostra da ammirare ma anche da vivere e condividere: ogni visitatore avrà infatti la possibilità di stampare il proprio autoritratto, grazie a una piattaforma digitale installata allo Spazio Eventi, e attaccarlo alla parete dedicata accompagnandolo dal proprio pensiero sull’Europa.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 03 Maggio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.