Il grido d’allarme dei vigili del fuoco: “Trattati come numeri, ma noi salviamo vite umane”

Dure le parole del segretario UIL PA Vigili del Fuoco Domenico La Barbera che si rivolge alla politica: "Non è con le pacche sulle spalle che facciamo soccorso, ma con uomini, mezzi ed attrezzature"

incidente ribaltamento furgone autostrada a8 vigili del fuoco

«Noi salviamo vite umane! Noi siamo la speranza a cui i cittadini si aggrappano nei momenti di disperazione, quando tutto ormai sembra perso, noi siamo i Vigili del Fuoco. Non possiamo essere trattati come freddi numeri all’interno di un bilancio».

Sono dure le parole del segretario UIL PA Vigili del Fuoco Domenico La Barbera che si rivolge alla politica «Non è con le pacche sulle spalle che facciamo soccorso, ma con uomini, mezzi ed attrezzature. Non servono interventi illogici, disarticolati e senza un reale progetto di sviluppo e potenziamento del Corpo Nazionale. A cosa serve, ad esempio, il graduale, tardivo e lento rinnovamento del parco automezzi, se poi manca il carburante per far muovere i mezzi o, ancora più paradossalmente, se manca il personale che li guidi?».

L’incendio di Malagrotta è la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Segnalazioni analoghe giungono da ogni parte d’Italia da colleghi comprensibilmente ormai al limite della sopportazione. «Se sopravviviamo ad un incendio o ad una esplosione, non abbiamo comunque scampo: ad ucciderci saranno sempre e comunque le malattie di cui soffrono i Vigili del Fuoco, con incidenze superiori alla media della popolazione e che dovrebbero allarmare le coscienze di tanti, ma anche l’indifferenza uccide» chiosa La Barbera che evidenzia come «la scarsità di dispositivi di protezione individuale, la mancanza di adeguati protocolli di decontaminazione, l’assenza di zone cuscinetto nelle caserme, fanno in modo che ogni minuto in più passato indossando DPI contaminati, all’interno di automezzi e caserme contaminate, sia un minuto in più di esposizione a sostanze letali».

«Nel resto del mondo è appurato che il 45% dei Vigili del Fuoco, se non muore di cancro, muore di malattie cardiovascolari, numeri per noi a dir poco allarmanti, “normali” a quanto pare per uno Stato che potrebbe e dovrebbe intervenire» prosegue La Barbera. Molti Vigili del Fuoco sono costretti a nascondere le proprie patologie, a curarsi di nascosto, perché se sei malato e perdi l’idoneità al servizio, oltre alla salute perdi anche parte del sostentamento per la tua famiglia. «Un sistema che ti obbliga a fare questo genere di scelte, non è un sistema giusto ne tantomeno degno di un Paese civile», conclude il Segretario Generale.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 22 Giugno 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.