Condannata in secondo grado la figlia del boss di Legnano Vincenzo Rispoli. Altri 5 anni a Casoppero

La Corte d'Appello ribalta il primo grado e riqualifica in estorsione il pestaggio ad un imprenditore a Malta. Ribaltata anche la sentenza nei confronti dell'imprenditore lonatese già condannato a 14 anni per mafia

tribunale procura milano

In primo grado alcuni erano stati assolti ma la sentenza dei giudici della terza sezione della Corte d’Appello di Milano ha ribaltato tutto. L’imprenditore edile di Lonate Pozzolo di origini cirotane, Cataldo Casoppero (già condannato a 14 anni in primo e secondo grado per associazione a delinquere di stampo mafioso), è stato condannato a 5 anni e 4 mesi di reclusione per la corruzione di Riccardo Lazzari, funzionario dell’Anas, anche lui condannato in appello a 4 anni di reclusione. Per entrambi i giudici hanno comminato anche la pena accessoria dell’interdizione dai pubblici uffici per 5 anni e la pena accessoria dell’incapacità a contrattare con la pubblica amministrazione per  un periodo pari alla pena inflitta.

Anche per Francesca Rispoli (figlia del boss al 41 bis Vincenzo Rispoli), il compagno Giovanni Lillo e i due Di Novara il secondo grado è amaro. I giudici, infatti, hanno optato per la condanna a 4 anni 5 mesi e 10 giorni per il reato di estorsione in concorso (con l’aggravante del metodo mafioso) per la vicenda del pestaggio di un imprenditore edile a Malta per il quale avevano lavorato alcuni appartenenti alla locale di ‘ndrangheta di Legnano-Lonate Pozzolo che ritenevano di non essere stati pagati. Insieme a lei sono stati condannati Giovanni Lillo (che è anche il compagno della Rispoli) a 10 anni e 8 mesi, Giuseppe Di Novara e Michele di Novara a 8 anni ciascuno, in quanto esecutori materiali del pestaggio, tutti con l’aggravante mafiosa.

Per tutti, in primo grado (rito abbreviato), il reato di estorsione era stato riqualificato in esercizio arbitrario delle proprie ragioni che, però, è un reato per il quale si procede solo con querela di parte.

Infine è stata aumentata a 2 anni la pena per l’investigatore privato Giovanni Vicenzino che in primo grado era stato condannato ad un anno e 4 mesi. I giudici hanno ritenuto di inserire anche l’aggravante mafiosa.

 

Orlando Mastrillo
orlando.mastrillo@varesenews.it

Un cittadino bene informato vive meglio nella propria comunità. La buona informazione ha un valore. Se pensi che VareseNews faccia una buona informazione, sostienici!

Pubblicato il 30 Novembre 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.