Pagelle Pro Patria: Castelli resta al palo, gol con fascia e dedica per Fietta

Voti alti per i tigrotti, che allo Speroni superano 2 a 0 e incasellano il terzo risultato utile consecutivo. Cresce la difesa, al quinto clean sheet. Momento d'oro per Stanzani

Pro Patria - Lecco 2 a 0 (4.12.2022)

(servizio fotografico di Roberta Corradin)

Galleria fotografica

Le foto di Pro Patria – Lecco 4 di 29

DEL FAVERO 6,5: Quarto clean sheet personale, quinto di squadra (fa eccezione il 3 a 0 al Mantova). Salvo un’uscita alta e a vuoto – respinta da Fietta sulla linea – il portiere fa buona guardia sul suo palo in pieno recupero sull’iniziativa personale di Enrici e alla fine del primo tempo quando ipnotizza Doudou Mangni, con enorme complicità dell’attaccante, nell’unica azione davvero pericolosa del Lecco.

SPORTELLI 6,5: Aiutato dall’imponente stazza è autore di diverse buone chiusure e altrettanti anticipi su Pinzauti e Mangni: dopo qualche passo falso a cavallo di ottobre e novembre ritorna agli standard coriacei della scorsa stagione. Seconda sufficienza – in cinque partite- accanto a Lombardoni, con cui cresce l’intesa.

LOMBARDONI 7:  Ritorna a dettar legge nella zona più delicata del campo, quella “lombare”. Quando il #19 è in campo il numero dei gol subiti dalla Pro Patria cala drasticamente (su sette partite quattro clean sheet, gli stessi di Del Favero; 4 i gol incassati, di cui 3 a Padova). Suo l’intervento più scenografico della partita: un tackle degno della vecchia reclame Good vs Evil su Mangni lanciato testa bassa a rete.

SAPORETTI 6,5: Se la Pro Patria costruisce tanto sulla sinistra non è solo merito di Ferri e Ndrecka, ma anche dei suoi piedi, da cui partono le azioni. Il tutto senza rinunciare alla ormai solite e solide garanzie fornite nelle retrovie. Candidatura a mvp del mese stra-guadagnata.

Vince la Pro Patria: derby col Lecco targato capitan Fietta e Stanzani

VAGHI 5,5: Si annulla con Rossi sulla corsia di destra. Coraggioso comunque, dopo una prima fase di stagione da braccetto, a proporsi con una certa regolarità oltre la metà ma la pesantezza del prato non aiuta le sue iniziative e annulla tutti i possibili guizzi.

dal 46′ VEZZONI 6:

NICCO 6+: Come macchiare una più che convincente prestazione? Con un cartellino giallo superfluo rimediato nel recupero, sul 2 a 0, dopo 90 minuti di autentica e corretta battaglia e continue transizioni degne di in una partita di pallacanestro giocata sotto al ferro (ma su un prato lungo il triplo). Diffidato, salterà la trasferta da ex a Piacenza

FIETTA 7,5: Salva un gol sulla linea e ne mette a segno uno ben più importante, sotto al sette difeso da Melgrati. La prima gioia stagionale, la ciliegina dell’ottimo momento personale, arriva con la fascia da capitano nel derby ed è dedicata al figlio che gli chiedeva quale fosse la sua esultanza e quando sarebbe arrivata. Sui social della Pro Patria la risposta: “calma, calma”, che vale a dire: “eccoti accontentato”. Aveva conquistato il pubblico già nel primo tempo, anche se Mangni gli era sgusciato nell‘unica chance lariana. Tra i meriti anche una spizzata di testa che al 23′ permette a Castelli di procurarsi il rigore sbagliato.

FERRI 6,5: Quando esce dal campo Vargas se lo abbraccia sapendo che in ogni partita la mezzala macina chilometri su chilometri e che, soprattutto, una “sua” seconda palla vinta permette a Piu di lanciare in area Stanzani e siglare il definitivo 2 a 0. L’immagine della sua partita e di buona parte di stagione.

dal 84′ GAVIOLI 6: Per i minuti giocati sarebbe un SV, ma il #20 si fa sempre sentire negli spazi centrali quando gli avversari sono stanchi o sbilanciati

NDRECKA 7: Nel primo tempo il pallone gli sguscia a causa della pesantezza, ma lui non rinuncia comunque a portarsi sul fondo e creare minacce nella metacampo offensiva, a volte anche accentrandosi. Ma ciò che gli garantisce il voto alto in pagella è la museruola messa a Giudici, addomesticato del tutto nella ripresa dopo qualche spauracchio nei primi minuti della partita, quando il Lecco prova a spaccare la partita.

dal 87′ Boffelli SV: Diffidato, entra nel finale e amministra evitando la squalificato. Non da tutti.

Calcio, Serie C: Pro Patria – Lecco in diretta

STANZANI 7,5: Replica lo score personale di mercoledì a Lignano Sabbiadoro: prima l’assist e poi il gol. Astuto sull’1 a 0 a girarsi e servire Fietta per il rimorchio appena dopo essersi visto un’incornata destinata in rete murata da Melgrati. Glaciale, ancora una volta, a chiudere la partita freddando il portiere su una giocata in verticale. Sei gol, tre assist, Natale si avvicina e con la festività la neve: allora, citando Dodin, esclamiamo: “Gaudeamus”. 

dal 84′ Pitou SV

CASTELLI 5,5: Fin troppo facile dedicargli la Leva Calcistica: “Dede* non aver paura di tirare un calcio di rigore” (sappiamo tutti come continua il brano di De Gregori). Bravo comunque a procurarselo in un momento in cui la partita sembrava poter volgere a favore degli ospiti, anche se il pallone si stampa sul palo. Non si demoralizza e continua a lavorare insieme alla squadra.

dal 64′ PIU 6,5: Come per Stanzani, pagella simile a quella di Lignano Sabbiadoro: entra, prolunga di prima e Stanzani lanciato a rete per chiudere la partita. Vicino anche al gol sul colpo di testa. Sulla via del rilancio.

VARGAS 7: Quando il gioco si fa duro e si alza il livello dell’asticella Vargas risponde sempre “pronto”, accurato tatticamente e i tigrotti sull’attenti. Contro le prime cinque (Vicenza, Pordenone, FeralpiSalò, Pro Sesto e Lecco) ha perso solo contro la Pro Sesto, fuoricasa. Galvanizzante. Belli gli abbracci a Ferri e a Castelli ai momenti delle sostituzioni.

Vargas: “Grandi meriti della squadra: superata al meglio una settimana impegnativa”

Marco Tresca
marco.cippio.tresca@gmail.com

 

Rispettare il lettore significa rispettare e descrivere la verità, specialmente quando è complessa. Sostenere il giornalismo locale significa sostenere il nostro territorio. Sostienici.

Pubblicato il 05 Dicembre 2022
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Le foto di Pro Patria – Lecco 4 di 29

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.