Rinviato a giudizio il ventenne di Luino evaso da casa perché la madre lo sgridava per le troppe docce

Il ragazzo era scappato dalla casa in cui stava scontando i domiciliari per i continui litigi con la donna. Difeso dall’avvocato Corrado Viazzo, seguirà il rito ordinario

Generico 12 Dec 2022

Sarà di fronte al giudice monocratico di Varese il 14 di gennaio il giovane accusato di evasione dagli arresti domiciliari a causa dell’assillo dovuto alle continue lamentale con la madre convivente, culminate nelle accuse di volersi fare troppe docce (vedi caro acqua, caro gas, eccetera, foto: pixebay) nella residenza scelta per l’esecuzione della misura cautelare.

Il giovane, difeso dall’avvocato Corrado Viazzo seguirà dal punto di vista procedurale un rito ordinario e non l’abbreviato (che in caso di condanna permette di beneficiare di un terzo della pena).

Il caso era salito all’onore delle cronache anche nazionali qualche settimana fa proprio per la vicenda grottesca alla base della scelta del ventenne, con procedimenti in corso per spaccio di droga, che non riusciva più a convivere con la madre. Approfittando dell’assenza della donna uscita di casa per lavoro, aveva chiamato i carabinieri esponendo il problema, per prendere subito dopo la decisione di uscire dai domiciliari commettendo il reato di evasione in flagranza di reato (e con annuncio di voler “fare un macello“ poco prima della scampanellata alla caserma dei carabinieri di via San Pietro, nella cittadina lacustre). Risultato: manette, arresto convalidato e riconduzione ai domiciliari dopo la pace fatta con la mamma.

Andrea Camurani
andrea.camurani@varesenews.it

Un giornale è come un amico, non sempre sei tu a sceglierlo ma una volta che c’è ti sarà fedele. Ogni giorno leali verso le idee di tutti, sostenete il nostro lavoro.

Pubblicato il 13 Dicembre 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.