I misteriosi cumuli di amianto emersi dal cantiere della ferrovia per Malpensa

Il terreno contaminato è stato scoperto nel corso degli scavi per la nuova linea Gallarate-Terminal 2. È stato stoccato in grandi sacchi che dovranno essere bonificati. Ma da dove viene l'amianto?

Generico 27 Nov 2023

La prima segnalazione è venuta dalle “vedette” legate ai comitati ambientalisti della zona: una distesa di decine di sacchi con le indicazioni che consentivano di ipotizzare che lì dentro ci fosse un materiale pericolo, amianto.

Un deposito di materiale contaminato fotografato solo pochi giorni fa, lungo il tracciato degli scavi per la nuova ferrovia Gallarate-Malpensa T2. E che svelerebbe un caso di inquinamento eclatante, un deposito di materiale pericoloso nascosto sotto terra.

La segnalazione, si diceva, è di pochi giorni fa, ma il materiale sarebbe emerso quando sono iniziati gli scavi nella zona dove la nuova ferrovia si accosta alla superstrada 336.

Generico 27 Nov 2023

Amianto anni Novanta?

Ora: dal momento che (confermano i geologi) non esistono terreni con amianto naturale in zona, si tratterebbe di uno sversamento, risalente ad un tempo probabilmente lontano: essendo vicino alla superstrada, la prima ipotesi è che possa risalire a quando nel 1989 si procedette a trasformare la vecchia Statale 336 in superstrada, in vista dei mondiali di Italia ’90.

C’era una certa fretta di completare i lavori e chissà che approfittando di questo qualcuno ne abbia approfittato per disfarsi dell’amianto, la cui pericolosità (già nota da tempo) stava tramutandosi proprio allora nelle prime campagne di rimozione da edifici, impianti produttivi, veicoli e materiale rotabile.
Oggi ogni movimento di materiale rimosso è tracciato, ma allora no. 

Somma Lombardo generiche

D’altra parte – fa notare chi da tempo si occupa di amianto – il divieto totale sarebbe arrivato di lì a poco (1992) e le norme sarebbero diventate più rigide. E viene da pensare: forse lo sversamento è stato successivo, quando un eventuale traffico illecito sarebbe stato più remunerativo?

Le denunce degli ambientalisti

Adesso del materiale dovrà farsi carico l’azienda che sta costruendo il nuovo tracciato ferroviario, ovviamente con aggravio dei costi per lo smaltimento in sicurezza. Resta la domanda sulla provenienza  da accertare e sulla natura illecita, anche se è difficile immaginare che si possa contestare ai responsabili.

La scoperta dell’amianto non è l’unica segnalazione che viene dagli ambientalisti e dagli attivisti del Comitato Salviamo La Brughiera di Casorate Sempione: nei giorni scorsi è stato fatto notare che nelle aree boschive si arriva «direttamente a pochi metri dai macchinari e sull’orlo di profondi scavi», a volte senza recinzioni di cantiere, in altri punti con recinzioni aperte. E qua e là «fanghiglia di risulta di sversamenti di cemento e acqua di lavaggio».

Roberto Morandi
roberto.morandi@varesenews.it

Fare giornalismo vuol dire raccontare i fatti, avere il coraggio di interpretarli, a volte anche cercare nel passato le radici di ciò che viviamo. È quello che provo a fare a VareseNews.

Pubblicato il 28 Novembre 2023
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.