Sciopero e treni soppressi in fascia di garanzia, la rabbia dei pendolari allo stremo

I due giorni di sciopero, giovedì 30 novembre e venerdì 1 dicembre, stanno causando gravi disagi: treni cancellati, anche quando dovrebbero essere garantiti, e quelli che circolano sono stipati all'inverosimile

Sciopero Trenord

Basta guardare il tabellone dei treni del mattino a Gallarate per capire quanto è diffuso il problema: venerdì mattina, fascia di garanzia, tre corse su dieci cancellate. Tra cui il suburbano S5 che va a Milano (e prosegue per Treviglio), un treno che nelle stazioni secondarie carica migliaia di persone.

Cavaria, una di quelle stazioni secondarie servite solo da treni S5. Tre corse soppresse, su quattro previste (due per Milano, due per Varese) tra le 7 e le 8.

Sciopero Trenord

Fotografie della mattina difficilissima dei pendolari, all’esasperazione dopo che anche nella sera di giovedì sono “saltate” le fasce di garanzia: tanti i treni coinvolti, come segnalano i lettori e anche le pagine dei pendolari (con l’aggiunta di qualche treno soppresso già al mattino).

Confusione anche nelle comunicazioni, una scena riassunta da quella foto del tabellone a Milano Centrale che immortala un Malpensa Express dato con 490 minuti di ritardo.

Sciopero Trenord

Perché sono “saltate” le fasce di garanzia? Le cancellazioni sono figlie di assenze arbitrarie dei lavoratori o sono una scelta operativa di Trenord in occasione di un inedito sciopero per due giorni di fila, sul tema della sicurezza?
Risposte – se non nel dettaglio linea per linea, almeno nella dinamica generale – sono dovute ai pendolari che già avevano vissuto condizioni molto difficili nell’ ultima settimana.

di
Pubblicato il 01 Dicembre 2023
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Giorgio Martini Ossola
    Scritto da Giorgio Martini Ossola

    Queste cose accadono perchè nessuno controlla i controllori,purtroppo con sommo dispiacere per l’ennesima volta leggendo questa lettera va confermato il fatto. In Svizzera ciò non accade appunto perchè è un paese civile dove si rispetta chi lavora e si punisce chi non lo fa,dopo un fatto simile le ferrovie avrebbero cercato il responsabile e lo avrebbero punito come merita,in Italia nessuno infastidisce nessuno perchè a nessuno conviene farlo….

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.