“Il corso di laurea per infermieri sta crescendo con professionalità e dedizione. Presto nuovi master”

Nel dibattito seguito alla lettera di un infermiere/a della Sette Laghi, prende la parola il presidente del CdL in infermieristica dell'Insubria prof Fabio Angeli che parla di grande competenza e passione

prof Fabio Angeli presidente corso infermieristica

Le riflessioni di un/a infermiere/a dell’Asst sette Laghi sul ruolo professionale e sul percorso accademico hanno dato il via a una serie di riflessioni sul lavoro in corsia e sul futuro della professione.

Abbiamo ospitato il contributo del Presidente dell’Ordine professionale degli Infermieri di Varese Aurelio Filippini e quello dell’azienda ospedaliera Asst Sette Laghi. Ha parlato poi il sindacato con Gianluca Firrisi Segretario territoriale Uil Fpl Varese. 

In questo articolo è l’Università dell’Insubria a parlare, coinvolta nell’articolo iniziale per il corso degli infermieri. A replicate al sanitario/a è il Presidente del CdL in Infermieristica dell’Università degli Studi dell’Insubria Prof. Fabio Angeli.


Caro Direttore,

ho letto con molta attenzione la lettera scritta da “un’infermiera/infermiere qualsiasi” e pubblicata dalla sua testata.
La lettera si conclude auspicando un sano e costruttivo dibattito tra cittadini e istituzioni ed in qualità di presidente del Corso di Laurea (CdL) in Infermieristica dell’Università degli Studi dell’Insubria mi sento in dovere di intervenire ed esporre le mie riflessioni.

Le parole scritte da “un’infermiera/infermiere qualsiasi” hanno la valenza di un vero e proprio grido di allarme e di aiuto, denunciando il malessere lavorativo della persona. Chi scrive, infatti, attacca a 360 gradi il mondo lavorativo (ma anche formativo) della professione di infermiere. Ma poi conclude che “continuerò fino all’ultimo giorno, con lo stesso entusiasmo del primo coi miei pazienti, ma, nel profondo, deluso e amareggiato”.

La mia prima domanda è se questo malessere può essere esteso a tutti gli operatori sanitari.

Forse sì, ma non è scontato. Non si può, però, nascondere che il profondo cambiamento che sta subendo il mondo sanitario in questi ultimi anni possa disorientare e creare difficoltà lavorative.

L’altra mia riflessione riguarda direttamente la mia attività lavorativa. Come scritto da “un’nfermiera/infermiere qualsiasi”, “Il nostro Ateneo è stato inserito dal Censis tra i primi dieci per la qualità della didattica nelle professioni sanitarie”.
Lo stesso autore/autrice della lettera, però, aggiunge che tale prestigioso risultato è un successo del nostro Ateneo, non del CdL in Infermieristica. Un vero e proprio controsenso dato che il CdL in Infermieristica non è altro che diretta espressione dell’Ateneo e di chi lo guida e governa.

IL CORSO DI LAUREA ESPRIME ALTISSIME POTENZIALITÀ FORMATIVE

Su questo aspetto mi soffermo in modo più specifico, per difendere un CdL che sta crescendo, maturando ed esprimendo altissime potenzialità formative. Non lo faccio per “campanilismo”, ma per riconoscere il lavoro di tutti i docenti del CdL che ogni giorno si spendono per garantire la migliore qualità formativa possibile. Uno sforzo mirabile da parte di tutti che cerca di soddisfare le esigenze degli studenti, garantendo professionalità, competenza e dedizione.

Proprio per il mio ruolo, ogni giorno ho la possibilità di osservare l’entusiasmo e la passione di chi è coinvolto nel processo formativo degli studenti in infermieristica. Tutti sentono questo ruolo come privilegio ma, allo stesso tempo, come grande responsabilità. Una responsabilità pesantissima (chi insegna ha il dovere di formare in modo adeguato lo studente e l’infermiere del prossimo futuro) che però nelle aule e nei luoghi di tirocinio si trasforma, senza indugio, in una “forza didattica” senza paragoni che coinvolge e traina l’interesse degli studenti. A tutti loro il mio più sincero ringraziamento e tutta la mia stima.

NUOVI MASTER E OPPORTUNITÀ FORMATIVE

Voglio, poi, rassicurare “un’infermiera/infermiere qualsiasi” che nuovi Master e nuove opportunità formative per il post-lauream sono già in essere per il CdL in Infermieristica. Non idee o sogni, ma realtà tangibili che inizieranno il loro corso sin dal prossimo anno accademico. Un CdL, quindi, che si sta accrescendo e migliorando sia per qualità che per offerte formative.

Concludo invitando “un’infermiera/infermiere qualsiasi” a contattarmi per, magari, confrontarsi di persona e per avere la possibilità di mostrargli/mostrarle cosa è diventato il CdL in Infermieristica in questi ultimi anni.

Un saluto e un abbraccio a chi continua a credere nel proprio lavoro

Il Presidente del CdL in Infermieristica dell’Università degli Studi dell’Insubria
Prof. Fabio Angeli


“Demotivati, stanchi e insofferenti: ecco perché gli infermieri scappano dall’ospedale”

 

di
Pubblicato il 24 Gennaio 2024
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.