Colombo amareggiato: “Il Renate ha vinto più duelli. Costretto a tre cambi forzati”

Il Renate vince contro una Pro Patria nervosa per una partita sfuggita di mano. Colombo storce il naso e perde il suo aplomb: "L'arbitro ha visto benissimo il gesto di Esposito su Ndrecka". Somma: "A Trento per recuperare i tre punti persi oggi"

Pro Patria - Renate 25.2.2024

COLOMBO 1 «Occasioni ne abbiamo avute, soprattutto nel primo tempo avremmo potuto fare più male al Renate. Loro hanno trovato dei bei gol con giocatori forti, sapevamo che i loro attaccanti potevano segnare in ogni momento. E sotto quest’aspetto siamo andati troppo “sotto”, non siamo stati brillanti nei duelli, più fisicamente che di testa».

Galleria fotografica

Le foto di Pro Patria – Renate 4 di 34

COLOMBO 2 «Le due sconfitte con Padova e Mantova penso ci abbiano tolto qualcosa e questo può aver tolto della tranquillità. Sapevamo che la partita era difficile contro una squadra molto forte e siamo mancati nel voler vincere il duello. Il nostro obiettivo è la salvezza e al momento siamo in linea coi punti che avremmo dovuto fare nonostante un brutto girone d’andata. Adesso serve lavorare, rimboccarsi le maniche, non possiamo fare altro: lavorare, lavorare e lavorare».

COLOMBO 3 «Non mi è piaciuta la direzione arbitrale. L’arbitro ha visto benissimo che Esposito ha tirato i capelli a Ndrecka, gli è stato detto e ha deciso di non buttarlo fuori. È successo settimana scorsa a Mantova con la manata in faccia a Moretti. Non ci lamentiamo mai degli arbitri, non vorrei che certe succedono per questo motivo. Mi auguro che episodi del genere non succedano più. Non lo dico come alibi ma questa direzione non mi piace affatto. Il cambio di Mallamo forzato ha inciso? I cambi forzati sono stati tre: anche Castelli, per una botta al polpaccio, e Minelli, che aveva male all’adduttore, hanno avuto problemi fisici. Non siamo riusciti più a fare la partita che volevamo davanti, a quel punto avrei voluto fare qualcosa di diverso ma con tre cambi forzati si fa più fatica».

Terza sconfitta consecutiva per la Pro Patria: il Renate rimonta e piega i tigrotti

SOMMA 1 «L’approccio alla gara è stato buono, abbiamo trovato subito il vantaggio. Dopo siamo calati sul piano agonistico e abbiamo incominciato a perdere più duelli del previsto, in quel momento la partita è stata ribaltata. Nel secondo tempo siamo scesi bene ma una volta in svantaggio la partita si è fatta più tesa e chiusa, fino al rigore nel finale».

SOMMA 2 «La posta in palio era alta e la partita si è fatta nervosa: in questo momento i punti sono importanti, dovevamo essere bravi a non farci prendere dalla tensione pensando solo al nostro. La mia miglior partita? Io cerco sempre di dare il massimo ogni volta che vengono chiamato in causa. Ci sono prestazioni migliori e altre meno, però voglio dare il mio a prescindere dal minutaggio. La gara col Trento? Le tre sconfitte possono togliere fiducia ma sappiamo che non eravamo fenomeni prima e che non siamo ora degli scappati di casa. Dobbiamo ripartire dall’analisi degli errori, metterli da parte, convinti di poter vincere a Trento per fare tre punti».

Calcio, Serie C: Pro Patria – Renate in diretta

Marco Tresca
marco.cippio.tresca@gmail.com

 

Rispettare il lettore significa rispettare e descrivere la verità, specialmente quando è complessa. Sostenere il giornalismo locale significa sostenere il nostro territorio. Sostienici.

Pubblicato il 25 Febbraio 2024
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Le foto di Pro Patria – Renate 4 di 34

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.