Due multe e un po’ di discussione, nella prima sera senza alcol a Gallarate intorno alla stazione

Alle 18 di giovedì è scattato il mese di divieto per l'alcol in piazza Giovanni XXIII e dintorni. Commercianti ligi, qualche sanzione e discussione invece tra chi beve in piazza

gallarate generico

Alle 18 di giovedì 1 febbraio scatta il mese senz’alcol, a Gallarate: per la prima sera era in vigore il divieto di consumare o vendere alcol nella zona della stazione. Alle 18 scattano anche i primi controlli, con una pattuglia della Polizia Locale che – insieme a sindaco Andrea Cassani e assessore alla sicurezza Germano Dall’Igna – percorrono il parterre centrale della piazza e i portici.

Primissimo bilancio: due multe da mille euro  comminate a un gruppetto di tre raccolti su una panchina in mezzo alla piazza, “pizzicati” con una bottiglia di superalcolici e qualche birra (aperte, l’ordinanza vieta il consumo).

Sotto i portici i commercianti sono ligi al divieto di vendere alcol. Sotto i portici alla fine la pattuglia Polizia Locale si dedica anche a cercare di dare qualche indicazione di comportamento corretto a chi passa: «Non si può passare in bici sotto i portici, se esce qualcuno dai negozi si rischia di far male» spiegano gli agenti a uno straniero quasi disorientato dal richiamo (un ragazzino invece si scusa).

Poco prima gli agenti sono già passati anche sul lato posteriore della stazione, controllando una quarantina di ragazzi riuniti dietro la velostazione di via Sciarè (ritrovi più frequenti nell’ultimo periodo).

Mentre le opposizioni tengono una conferenza stampa per denunciare il fallimento del riordino della piazza datato 2021 («propaganda a spese dei cittadini»), il sindaco Cassani – tornato anche lui sul parterre centrale inaugurato due anni fa – riprende a discutere con i multati, spalleggiato dalla polizia locale. Uno dei multati – meno combattivo – intanto svuota e butta le bottiglie che erano rimaste abbandonate, una cade dal cestino e va in frantumi tra le aiuole.

gallarate generico

Intanto sono quasi le sette e mezza, i pendolari vengono “recuperati” dai parenti in auto.
In via Beccaria si preparano a lavorare anche il  kebabbaro e il ristorante Terminal: per evitare di rovinare le cene è stata modificata in corsa l’ordinanza, per consentire (fino alle 23) di bere un bicchiere di vino o una birra almeno a chi deve mangiare, che sia un pasto volante o una cena vera e propria.

Roberto Morandi
roberto.morandi@varesenews.it

Fare giornalismo vuol dire raccontare i fatti, avere il coraggio di interpretarli, a volte anche cercare nel passato le radici di ciò che viviamo. È quello che provo a fare a VareseNews.

Pubblicato il 01 Febbraio 2024
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.