Il Ministero dell’Istruzione vieta l’uso di cellulari nelle scuole dell’infanzia e della primaria

Nelle linee guida che si stanno elaborando verrà permesso l'utilizzo del tablet nelle scuole primarie per soli usi didattici

bambini adolescenti smartphone internet social pixabay

«È opportuno evitare l’utilizzo dello smartphone (cellulare) nelle scuole d’infanzia, primarie e secondarie di primo grado. Si consiglia invece un uso solo didattico del tablet per le scuole primarie».
Il Ministro dell’Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara chiarisce la posizione che si delinea nelle nuove linee guida per la scuola.

Il discorso, dunque, riguarda gli alunni del primo ciclo, con particolare attenzione agli studenti adolescenti delle medie che potranno utilizzare in classe solo i tablet con fini di istruzione.

Il divieto degli smartphone nelle classi primarie risale al 2007 e alla decisione dell’allora ministro Fioroni che lo considerava elemento di distrazione. L’attuale Ministro Valditara già nel 2022 aveva ricordato il divieto esistente anche se la circolare prevedeva l’utilizzo di strumentazioni tecnologiche per le finalità didattiche.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Pubblicato il 22 Febbraio 2024
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.