L’Anpi provinciale: “Non saremo alla iniziativa antifascista”

La motivazione è legata alla "concomitanza" con il corteo della destra radicale per il Giorno del Ricordo. "Potrebbe causare problemi di ordine pubblico e mettere a rischio l'incolumità dei cittadini"

Anpi Legnano

L’Anpi provinciale si sfila dalla manifestazione antifascista convocata a Varese per rispondere ai saluti romani in municipio, in occasione di un matrimonio: «Pur condannando fermamente quanto messo in atto dai fascisti il 3 febbraio a Palazzo Estense, abbiamo deciso di non aderire alla iniziativa promossa per domani dall’amministrazione comunale di Varese», spiega una nota della presidente Ester De Tomasi.

La manifestazione ha raccolto il sostegno di diversi gruppi e realtà (tra cui Anpi città di Varese e sindacati confederali) ma ha visto anche freddezza da parte di altri, come nel caso del Movimento 5 Stelle.

Certo la presa di posizione dell’Anpi provinciale non passa inosservata.
Tra le motivazioni addotte c’è la preoccupazione di tensioni, per la contemporanea marcia della destra estrema (ormai “tradizionale”) che celebra a suo modo il Giorno del Ricordo: «La concomitanza di due manifestazioni contrapposte in tale data, potrebbe causare problemi di ordine pubblico e mettere a rischio l’incolumità dei cittadini, compresi i nostri iscritti» dice De Tomasi.

Qui di seguito il comunicato completo firmato da De Tomasi per la presidenza provinciale Anpi

Buongiorno a tutti,
condannando fermamente quanto è successo a Palazzo Estense, in sala matrimoni, sul balcone e nel cortile d’onore, sabato 3 febbraio 2024, attendendo chiarimenti e verifiche sulle responsabilità di quanto accaduto, comunico che la Presidenza del Comitato provinciale, in modalità d’urgenza, ha deciso di non aderire alla manifestazione indetta dall’amministrazione comunale di Varese per domani 10 febbraio.

Ho collaborato con il nostro Presidente nazionale Gianfranco Pagliarulo alla stesura della lettera inviata al ministro Piantedosi. In tale lettera si chíedeva di vietare la manifestazione che si svolgerà domani a Varese da parte dei gruppi di estrema destra. A tale lettera ad oggi non è pervenuta risposta.
Anzitutto appare inopportuna la scelta della data del 10 febbraio per una manifestazione antifascista, data in cui si commemora la giornata del Ricordo. La data del 10 febbraio è stata fissata da una legge dello stato, che intendiamo rispettare.

Anpi provinciale ha da sempre condannato le sommarie, atroci esecuzioni nelle foibe, ha sempre ricordato il dramma dell’esodo che ha colpito tanti italiani dell’Istria e della Dalmazia e ha messo in atto nel tempo eventi e iniziative per ricordarlo.

Nella stessa giornata di domani e alla stessa ora, a poche centinaia di metri si svolgerà la parata inquietante dei gruppi di estrema destra che si rifanno alle ideologie fasciste e naziste (si attendono centinaia di persone anche da fuori della Provincia). Questa parata si svolge ogni anno e Anpi provinciale Varese, già dal 2017, lo segnala alle Istituzioni della Provincia, compresa l’amministrazione comunale di Varese, chiedendo che venga vietata. (A tale proposito allego documento).

La concomitanza di due manifestazioni contrapposte in tale data, potrebbe causare problemi di ordine pubblico e mettere a rischio l’incolumità dei cittadini, compresi i nostri iscritti. Pur condannando fermamente quanto messo in atto dai fascisti il 3 febbraio a Palazzo Estense, abbiamo deciso di non aderire alla iniziativa promossa per domani dall’amministrazione comunale di Varese.
Anpi provinciale Varese, in qualità di associazione promotrice del Coordinamento unitario antifascista per la difesa delle Istituzioni Repubblicane nate dalla Resistenza s’impegna a convocare a breve una riunione degli aderenti del Coordinamento antifascista, (abbiamo ricevuto importanti adesioni e ne aspettiamo altre) al fine di organizzare iniziative condivise finalizzate ad accrescere la consapevolezza dei valori fondanti della nostra Costituzione.
Per la Presidenza Anpi provinciale Varese
Ester Maria De Tomasi

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Pubblicato il 10 Febbraio 2024
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Paolo Cottini
    Scritto da Paolo Cottini

    Il fatto che l’ANPI provinciale metta i bastoni fra le ruote dell’ANPI di Varese si iscrive nelle usuali (e un po’ ridicole) vicende che contraddistinguono la storia della sinistra italiana. Ma che un’associazione nata per sostenere la Costituzione antifascista non intenda partecipare a una pacifica manifestazione antifascista, indetta da un Sindaco, è davvero strabiliante.

    1. PaoloFilterfree
      Scritto da PaoloFilterfree

      Sottoscrivo, e, credo, insieme a me, molti altri, ogni singola parola. Surreale…

  2. Avatar
    Scritto da Ora-SiempreResistenza

    Qualcuno ha ipotizzato che l’iniziativa sia stata indetta per riparare ad un clamoroso errore dell’amministrazione comunale per aver concesso ai DORA di prendersi la scena nei locali del comune. Polemiche futili e irrilevanti. La cosa importante è respingere con forza ogni rigurgito nazi-fascista. E’ fondamentale ribadire i valori della Costituzione Repubblicana nata dalla Resistenza Antifascista. I nostri Partigiani lottavano uniti contro il nemico comune. La storia dovrebbe insegnare!
    Ieri Partigiani, Oggi Antifascisti

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.