Mezzo secolo di solidarietà sanitaria: il presidente Mattarella celebra l’anniversario di Casagit Salute al Quirinale

Creata nel 1974 come fondo sanitario contrattuale dei giornalisti oggi è una società di mutuo soccorso aperta a tutti i cittadini. Mattarella: "È un’importante esperienza di welfare"

Varie Italia

Cinquant’anni di sanità integrativa e solidarietà: un cammino e un traguardo illustrati al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione dell’anniversario di Casagit Salute, creata nel 1974 come fondo sanitario contrattuale dei giornalisti e divenuta una società di mutuo soccorso aperta a tutti i cittadini alla ricerca di una copertura sussidiaria della sanità pubblica e rispettosa dei princìpi del mondo no profit. (nella foto sopra da sinistra: il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il presidente di Casagit Gianfranco Giuliani)

«Casagit ha mostrato la capacità di trasformarsi nel corso del tempo – ha sottolineato il presidente Mattarella, che ha ricevuto al Quirinale i rappresentanti della società di mutuo soccorso – in riferimento sia al mutamento del quadro normativo sia alle modifiche che intercorrono nella vita sociale, sempre più veloce. È un’importante esperienza di welfare quella che avete svolto e che svolgete , in perfetta coincidenza con quanto sollecita la nostra Costituzione che prevede, con un modello felice e già da allora davvero innovativo, un ampio spazio riservato alle autonome iniziative dei cittadini come singoli o nelle formazioni sociali come dice la Costituzione. Non tutto è affidato, in quella prospettiva, ai pubblici poteri».

Varie Italia

Al Quirinale erano presenti i componenti del consiglio di amministrazione di Casagit Salute e del consiglio di gestione della Fondazione Casagit, con i responsabili amministrativi. L’incontro ha permesso di illustrare al presidente Mattarella mezzo secolo di storia, prospettive per il futuro e i valori ai quali l’attività si ispira.

Il presidente della mutua, Gianfranco Giuliani, ha ripercorso le tappe dalle origini, rimarcando il principio della solidarietà che si sostanzia nella frase attribuita a Giovanni Spadolini: «ciascuno versa secondo le sue possibilità e riceve secondo i bisogni». E per questo Casagit Salute ha soci, non clienti, ai quali viene garantita assistenza per tutta la vita, senza selezione in base alle patologie e con un’attenzione particolare per le cure non garantite dal sistema sanitario nazionale, come previsto dal “decreto Sacconi”.

Casagit è nata cinquant’anni fa, destinata ai giornalisti, per volontà di Fnsi, Ordine e Inpgi, ”per tutelare la dignità e l’esercizio della professione fuori da ogni condizionamento politico ed economico, e contribuire così alla difesa della libertà di stampa nell’interesse generale della comunità nazionale” come recita tuttora lo Statuto. «Oggi – ha ricordato Gianfranco Giuliani – dopo l’apertura a tutti i cittadini italiani, riaffermiamo il valore della solidarietà nella presa in carico dei bisogni di cura, con il desiderio di mettere a disposizione la nostra esperienza, di essere integrativi e convergenti con il Sistema sanitario nazionale per contribuire a elaborare un modello di assistenza sanitaria e sociale sempre più efficace e sostenibile».

Dal 2020 questi valori sono confluiti nella trasformazione in società di mutuo soccorso che assiste oltre 55mila soci con una rete di servizi per la cura e l’assistenza, salvaguardando il valore costituzionale del principio della libertà di scelta nelle cure. Casagit Salute è iscritta all’Anagrafe dei fondi istituita dal ministero della Salute ed è componente dell’Osservatorio nazionale permanente dei fondi sanitari integrativi istituito dallo stesso Ministero.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Pubblicato il 05 Marzo 2024
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.