In 186 per il maxi-pranzo di famiglia. I Forasacco di Gazzo Padovano si ritrovano a Busto Arsizio dopo 10 anni

Sono i rami che discendono da un antenato comune, Andrea, nato il 23 aprile 1809 a Gazzo Padovano. Quelli di Busto sono quasi tutti a Madonna Regina ma domenica sono arrivati dal Piemonte e dal Veneto: "E ne mancano ancora tanti"

A Busto Arsizio c’è un quartiere ad alto tasso di immigrazione veneta, quasi tutti hanno lo stesso cognome, Forasacco, e provengono tutti dallo stesso paese, Gazzo Padovano, nel mezzo della pianura veneta tra Vicenza e Padova. Questa famiglia ha iniziato ad arrivare a Busto Arsizio e a stabilirsi nel quartiere di Madonna Regina nei primissimi anni ’50 ma altri rami si sono spostati in Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Francia (nella zona della Borgogna) e in Venezuela.

I Forasacco si riuniscono dal 1984 ogni 4 o 5 anni per celebrare il loro antenato comune, Andrea Forasacco nato il 23 aprile 1809. L’idea è di Dino Forasacco che ha ricostruito, insieme ad altri parenti, l’albero genealogico di questa numerosissima famiglia e ha organizzato il primo raduno in cui erano più di 300.

Quest’anno la maxi-riunione di famiglia si è svolta a Busto Arsizio, una delle comunità più numerose e unite: «Tra gli anni ’50 e ’60 ci siamo stabiliti nel quartiere di Madonna Regina dove, uno dopo l’altro, sono arrivati genitori, zii, fratelli delle varie famiglie – racconta Tarcisio -. Inizialmente vivevamo nelle cascine di questa zona e poi, col passare degli anni, abbiamo costruito le nostre case. Mio padre era venuto qui col carretto». La maggior parte di loro veniva da condizioni di povertà, in Veneto erano mezzadri o comunque contadini.

Oggi sono tutti vestiti a festa per questo evento molto sentito. Sono organizzatissimi, quelli del Veneto sono arrivati in autobus e prima si sono fermati al cimitero per portare un saluto ai cari che non ci sono più; un gruppetto che si è stabilito a Somma Lombardo è arrivata in moto, altri con i pulmini.

forasacco riunione famiglia busto arsizio 2024

La giornata di festa inizia con un rinfresco preparato dal ramo bustese nel salone parrocchiale, qui vengono anche distribuiti i vari cartellini colorati con i nomi, poi c’è la messa e infine c’è il pranzo che quest’anno si svolge in un grande ristorante di Inveruno: «Siamo in 186 quest’anno. Mancano alcuni parenti dalla Francia e dal Friuli che non sono riusciti ad essere presenti» – raccontano.riunione famiglia forasacco busto arsizio 2024

Durante il pranzo, come da tradizione, si consegnano dei premi al più anziano, alla coppia più longeva e al più giovane dei Forasacco. A queste grandi riunioni di famiglia partecipano tutte le generazioni e anche i giovani sono felici di far parte di questo momento atteso per cinque anni: «Solo una volta abbiamo dovuto rinunciare, nel 2020 per la pandemia. Erano 10 anni che non ci vedevamo».

Orlando Mastrillo
orlando.mastrillo@varesenews.it

Un cittadino bene informato vive meglio nella propria comunità. La buona informazione ha un valore. Se pensi che VareseNews faccia una buona informazione, sostienici!

Pubblicato il 22 Aprile 2024
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.