Lo jodel svizzero è stato candidato al patrimonio culturale UNESCO

Sono oltre 12.000 i cantanti di jodel in Svizzera e 780 gruppi dell’Associazione federale degli jodler. L'esito della procedura di valutazione dovrebbe arrivare nel 2025

jodel svizzero foto Eidgenössischer Jodlerverband (associazione federale jodel)

Il canto tipico ed emblema della Svizzera, lo jodel, potrebbe presto essere iscritto nella Lista rappresentativa del patrimonio culturale immateriale dell’umanità. L’UNESCO ha ricevuto la candidatura e dovrebbe valutarla verso la fine del 2025.

Lo jodel è un canto che alterna i registri della voce di petto e della voce di testa. Nello jodel «naturale» le melodie sono prive di testo, mentre nel «canto jodel» sono composte da strofe testuali e da un ritornello in jodel senza parole. Questa pratica tradizionale vanta una popolarità indiscussa in Svizzera e viene tramandata in modi diversi: in famiglia, nei club di jodel, nelle scuole o, semplicemente, tra cantanti.

Gran parte degli e delle oltre 12 000 cantanti di jodel in Svizzera è membro di uno dei 780 gruppi dell’Associazione federale degli jodler, ma questo canto si pratica anche al di fuori delle strutture associative, in contesti informali e spontanei. Rappresenta quindi una tradizione molto viva da cui peraltro sempre più spesso i musicisti e le musiciste professionisti traggono ispirazione per le loro composizioni.

Nonostante lo jodel sia ben radicato nella popolazione, la salvaguardia e lo sviluppo di questa tradizione per le generazioni future richiedono impegno. Grazie alla candidatura al patrimonio culturale immateriale dell’UNESCO è stato possibile identificare ed elaborare misure concrete in collaborazione con tutti gli attori coinvolti, per fare in modo che la tradizione mantenga la sua dinamicità. Sono previste in particolare azioni per migliorare il coordinamento a livello nazionale, sviluppare nuove offerte formative e promuovere le nuove leve. Saranno inoltre adottate misure per sensibilizzare il pubblico, documentare meglio la tradizione e approfondire lo studio della sua pratica.

L’Ufficio federale della cultura (UFC) ha coordinato il dossier di candidatura coinvolgendo esperti ed esperte di jodel e una rappresentanza delle organizzazioni del settore. A fine 2025, al termine di una procedura di valutazione che dovrebbe durare circa 18 mesi, l’UNESCO deciderà se iscrivere questa tradizione nella Lista rappresentativa del patrimonio culturale immateriale dell’umanità.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Pubblicato il 02 Aprile 2024
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.