Furto in casa: il processo a Sergio Domenichini non si farà

La persona derubata nel frattempo è deceduta: era un'iscritta all'Associazione Anteas di Varese

Domenichini

“Non luogo a procedere poiché gli elementi acquisiti non consentono una ragionevole previsione di condanna”. Imputato era Sergio Domenichini, condannato per l’omicidio della pensionata Carmela Fabozzi di Malnate, a processo dinanzia al giudice monocratico di Varese per il reato di furto.

Tuttavia il giudice ha pronunciato sentenza di non luogo a procedere appunto per l’assenza di elementi sufficienti a prevedere una condanna: l’uomo è gravato da ergastolo e la persona offesa è deceduta.

Si tratta di una donna che abitava a Lavena Ponte Tresa e che nell’estate del 2022 aveva denunciato un furto di cntnti e preziosi nella sua abitazione per il quale il sospettato era proprio Domenichini. Un particolare: la persona oggetto del furto era una iscritta all’associazione Anteas, la stessa dove Domenichini prstava attività di volontaria to per trasporto anziani per esami e commissioni e di cui si era servita la vittima dell’omicidio di Malnate.

Nel corso del processo in corte d’Assise era emerso il furto di gioielli della signora, monili poi secondo l’accusa rivenduti ad un compro oro per pagarsi il coso di un soggiorno sull’Adriatico.

L’avvocato di Domenichini, Francesca Cerri, è riuscita ad ottenere dunque il non luogo a procedere per il suo assistito.

di
Pubblicato il 07 Maggio 2024
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.