Maxi operazione della Guardia di Finanza: sequestrati 9 mila bottiglie di vino, 84 chili di droga e beni per 2 milioni di euro

Le investigazioni hanno permesso ai Finanzieri di accertare la provenienza illecita dei beni nella disponibilità del soggetto arrestato, consentendo all’Autorità Giudiziaria di disporre d’urgenza un decreto di sequestro preventivo di quanto rinvenuto

Cinque chili e mezzo di eroina sequestrati dalla Gdf

La Guardia di Finanza di Milano, su delega della locale Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia, a seguito di mirati accertamenti patrimoniali, ha sottoposto a sequestro beni mobili, immobili, disponibilità finanziarie e denaro contante per oltre 3,5 milioni di euro.

Le indagini di natura economico-finanziaria sono scaturite dagli ulteriori accertamenti condotti dalle Fiamme Gialle su alcuni soggetti rimasti a piede libero a seguito dell’operazione che, nell’ottobre scorso, ha condotto all’esecuzione di 46 ordinanze di custodia cautelare e al sequestro di beni, aziende e disponibilità finanziarie per oltre 129 milioni di euro, per traffico internazionale di sostanze stupefacenti, riciclaggio, esercizio abusivo del credito e frode fiscale.

L’inchiesta, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia, aveva permesso ai finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Milano di sgominare una rete internazionale di narcotrafficanti attivi tra l’Italia e la Spagna e ricostruire le modalità di pagamento delle partite di droga e di riciclaggio dei proventi illeciti attraverso un efficiente sistema di Chinese underground banking.

I finanzieri, nei giorni scorsi, hanno sequestrato, a seguito di perquisizioni di iniziativa, grazie anche all’ausilio di unità cinofile antidroga, 84 chili di stupefacenti tra hashish e marijuana, 4 orologi di lusso e più di € 100.000 in contanti e arrestato uno degli indagati in flagranza di reato. L’evidente sproporzione tra i redditi dichiarati da quest’ultimo e il tenore di vita rilevato in sede di perquisizione, dai complementi d’arredo presenti in casa a una collezione di oltre 9.000 bottiglie di vino pregiato (la bottiglia di maggior pregio è risultata avere un prezzo di listino di 15.000 €) dal valore stimato di circa € 1,5 milioni, hanno portato gli inquirenti ad approfondire la provenienza di tali beni. Dagli approfondimenti svolti sono state individuate ulteriori disponibilità finanziarie su diversi conti correnti bancari riconducibili all’indagato ed un’immobile in provincia di Bergamo dal valore di circa € 200.000.

Le investigazioni hanno permesso ai Finanzieri di accertare la provenienza illecita dei beni nella disponibilità del soggetto arrestato, consentendo all’Autorità Giudiziaria di disporre d’urgenza un decreto di sequestro preventivo di quanto rinvenuto. La misura patrimoniale è stata anticipata alla fase delle indagini preliminari, al fine di evitare che il libero possesso dei beni possa consentirne la dispersione prima della definizione del procedimento penale.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Pubblicato il 24 Giugno 2024
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.