Solbiate Olona - Il sindaco uscente si ricandida sotto i vessilli di Pdl e Lega mantenendo il riferimento alla lista civica che lo ha sostenuto. Ex-appartenenti alla lista precisano la loro estraneitÓ al nuovo progetto
Gli ex di "Per Solbiate" prendono le distanze da Bianchi

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato sottoscritto da ex-appartenenti alla maggioranza dell'uscente amministrazione di Solbiate Olona della lista "Per Solbiate"

Prendendo atto delle notizie apparse sugli organi di stampa locali circa la presentazione della lista denominata “Per Solbiate” supportata dai simboli di partito del “Popolo delle Libertà” e della “Lega Nord”, i consiglieri Luca Bianchi e Fabio Colombo, nonché gli ex-consiglieri Enrico Amoroso, Alessia Lazzaretti e Roberto Viganò, intendono comunicare la loro distanza dalla nuova formazione “Per Solbiate” ed il dissenso circa l’utilizzo del nome, sottolineando che lo stesso non rappresenta continuità politica con il passato in quanto le precedenti amministrazioni non erano e non intendevano essere espressioni sul territorio di partiti politici. Tale utilizzo rappresenta un impiego improprio di un nome nato per dare un’identità ben definita a valori ed idee non più riscontrabili.

Per questo motivo, siamo a prendere le distanze anche da quanto riportato sul sito www.varesenews.it il 12 maggio 2009, in cui “Bianchi [Giuseppe] definisce la sua lista ancorata al vecchio nome per quanto riguarda valori e punti di riferimento”. Riteniamo infatti che i valori attuali siano ben lontani dai principi ispiratori della lista civica “Per Solbiate” e, atteggiamenti come la mancanza di comunicazione verso i cittadini nonché le colorite forme espressive utilizzate contro chiunque abbia manifestato dissenso, hanno rappresentato il modello gestionale di questa giunta; comportamento adottato anche nei confronti di una buona parte dei consiglieri di maggioranza durante tutto il mandato. La volontà politica di non perseguire gli obiettivi previsti dal programma elettorale condiviso nel 2004, tradendo la fiducia espressa dai cittadini nel momento del voto, è stata la motivazione alla base delle dimissioni di tre consiglieri.

La mancanza di riscontri positivi nei prolungati tentativi di accordo con il Partito Democratico avvenuti nei mesi scorsi, ed il timore di veder diminuito il proprio elettorato, hanno spinto l’attuale amministrazione a correre ai ripari cercando repentine alleanze con la Lega Nord, partito che, seppur negli ultimi vent’anni si sia sempre seduto sui banchi dell’opposizione, è stato pronto a cogliere l’occasione di puntare a sedere sui banchi della maggioranza, alleandosi con il gruppo storicamente antagonista. L’improvvisa alleanza con il PdL, che ha di fatto rotto i preesistenti equilibri locali, rappresenta inoltre un capovolgimento del pensiero politico di una parte dell’attuale lista di maggioranza sebbene rientri nei principi delle libertà di scelta individuali che non necessariamente devono rispettare forme di coerenza.

Tale cambiamento di rotta, da lista civica a lista politica, è stato svolto senza dare informazione nemmeno ad alcuni consiglieri tutt’ora in carica, i quali sono venuti a conoscenza di queste notizie direttamente dagli organi di informazione.

Confidiamo quindi nella capacità critica dei nostri concittadini nel prestare la massima attenzione a giochi politici che non hanno nel loro interesse il benessere del paese, ed invitiamo tutti i solbiatesi a partecipare a qualsiasi forma di discussione volta a fare chiarezza circa i vari programmi elettorali.

Sottoscritto da:
I Consiglieri dimissionati:
Enrico Amoroso - Alessia Lazzaretti - Roberto Viganò
I Consiglieri di maggioranza:
Luca Bianchi - Fabio Colombo
Sabato 16 Maggio 2009