Quantcast

Ricerca

» Invia una lettera

Chiamata dei supplenti: Chiedo che tutto avvenga in modo corretto

docenti precari coda liceo manzoni professori
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

21 Settembre 2020

Appello di un docente precario ai dirigenti scolastici

Gentili dirigenti,
desidero, anzitutto, esprimere la mia gratitudine e la mia profonda riconoscenza per il delicato compito che avete svolto durante lo scorso anno scolastico, così critico e drammatico da gestire. Se la scuola è ripartita il merito va sicuramente all’efficienza della vostra amministrazione e alla rapidità, professionalità e competenza. Posso solo immaginare quanto tutto questo sia stato complesso e stressante: riconosco la vostra fatica e il vostro valore.

Proprio per questo oggi rivolgo a voi questo appello, non certo per criticare, bensì per non vanificare i sacrifici e far trionfare la meritocrazia. Chiedo che, in sede dell’individuazione del personale docente residuo, venga rispettata la procedura fino alla fine, cioè vengano verificati i titoli che i vari aspiranti hanno prodotto per posizionarsi in graduatoria. Purtroppo, nella fase di iscrizione, il sistema ha permesso di dichiarare requisiti fasulli, non certo sempre per astuzia, ma anche per ingenuità, data la complessità legislativa della procedura e le artificiosità burocratiche: infatti i certificati fondamentali (voto di laurea, esami in specifici settori disciplinari, 24 CFU, titoli aggiuntivi, anni di servizio e molti altri) per aspirare alla docenza sono stati tutti autoprodotti, senza alcuna verifica da parte del sistema.

La grande fame di personale docente e le urgenze dovute alla riapertura hanno oberato la dirigenza e rischiano di distogliere l’attenzione dalle procedure di accertamento, portando all’assunzione con contratto annuale di insegnanti con requisiti non validi, quindi non idonei. Ritengo che i figli dell’Italia abbiano già pagato a sufficienza il prezzo della crisi sanitaria, pertanto meritino docenti qualificati. Per questo motivo mi appello alla professionalità dei presidi e chiedo che vengano controllati tutti i titoli, come impone la legge. Voi per primi siete stati insegnanti: sapete quanto, nel corso degli ultimi anni, questa professione sia stata svilita e umiliata, non solo dalle retribuzioni sempre più basse, ma anche dalla percezione della stessa tra le masse. Ora avete il dovere di risollevarne il prestigio per offrire ai giovani la miglior istruzione possibile.

Grazie per aver ascoltato una voce umile, forse non necessaria, ma che incarna il pensiero di molti.
Un docente precario.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.