Ricerca

» Invia una lettera

Quando faremo i conti con l’aspetto psicologico dei lockdown?

La depressione nel tempo dell’accelerazione – Conferenza con Gianni Francesetti
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

6 Aprile 2021

Egregio Direttore, dall’inizio della pandemia da Covid-19 è ormai trascorso un anno e l’emergenza sanitaria non è ancora terminata.

Oltre al giustificato allarme e le moltissime vittime causate dal coronavirus, in maggior parte di età avanzata e con patologie pregresse, ma si sono registrati casi di decessi di persone giovani, secondo il mio modesto parere, non è stato messo abbastanza in rilevo l’aspetto psicologico dovuto al confinamento tra le mura domestiche imposto dai vari DPCM.

Soprattutto nei bambini e adolescenti, l’Istituto Superiore di Sanità ha quantificato in circa il +30% l’aumento degli atti autolesionistici, dei tentativi di suicidio e dei suicidi tra i giovani nella fascia d’età 15-24 anni.

C’è stata un’impennata della vendita di antidepressivi, ansiolitici e ipnotici per il forzato isolamento stabilito per combattere il contagio.

La Didattica a Distanza, pur necessaria all’assicurazione della continuità del percorso scolastico, ha provocato quella che è il più elementare bisogno dei bambini e dell’essere umano a tutte le età: la socializzazione con i propri simili e l’aspetto relazionale, affettivo e fisico, così importante, è stato relegato in secondo piano. L’isolamento sociale sancito dai Governi Conte e Draghi, di fatto, hanno esacerbato una sintomatologia “autistica”, dove le relazioni umane, gli abbracci, i baci, le carezze e il fare l’amore sono stati di fatto impediti e la rabbia per l’impossibilità del contatto fisico, di vedere gli amici, i parenti, i fidanzati, può esplodere in maniera pericolosa.

Aristotele diceva: “l’uomo è un animale sociale”, ma di fatto la reclusione forzata, soprattutto per le giovani generazioni e in chi già precedentemente soffriva di patologie mentali, ha alimentato una sensazione di disagio, di smarrimento, di paura e di incertezza, non solo dal punto di vista lavorativo, ma anche in quello, forse più importante dell’equilibrio psichico.

Solo una personalità forte, autocentrata e stabile può resistere a uno stress emotivo così prolungato. Certamente la priorità ora è il ritorno alla normalità, che si deve manifestarsi con la riapertura dei luoghi pubblici d’incontro che non siano gli anonimi supermercati o i posti di lavoro dove la socialità è stata sminuita dallo smart working, ma dei giovani che hanno perso la vita suicidandosi, del fatto che i bambini e gli adolescenti saranno adulti insicuri nel futuro per non aver potuto confrontarsi con i propri coetanei, per i nipoti che hanno paura di abbracciare i nonni per paura del contagio, qualcuno dovrà pur renderne conto.

Cordiali saluti.

Franco Brogioli

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.