Ricerca

» Invia una lettera

Degrado e incuria nel centro di Busto Arsizio

1 di 5

1 di 5

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

19 luglio 2016

Busto Arsizio, zona quasi centrale, via S.Michele (tra via piazza S. Michele e via Montebello, 250 m circa da piazza santa Maria, per intenderci).

L’androne di questo condominio Aler oltre ad essere pinamente imbrattato di scritte e graffiti spray, è usato come urinatorio ogni sera , presumibilmente dai clienti del pub dirimpetto e degli altri numerosi bar del circondario.

Ora che è estate, il puzzo è insopportabile e si sente a metri di distanza. Nonostante le diverse richieste da parte dei condomini di porre delle telecamere, l’amministrazione non ha provveduto; così come non ha proveduto a ripulire le scritte nè a tenere accesa la luce della lampadina dell’ingresso di sera.

I condomini sono prevalentemente anziani: perchè devono essere denigrati ed ignorati nelle loro richieste?

Anche se è una “casa popolare” è dignitosa e posta quasi in centro: perchè l’amministrazione lascia che venga usata come vespasiano? Inoltre i bar dei dintorni non hanno un bagno? O i loro avventori sono tutti cani per cui devono urinare fuori?

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Felice

    Ha detto bene: cani.

    Ormai le persone trattano i cani come umani e gli umani si comportano da cani.
    La società italiana sta andando sempre più nel degrado, sciatteria. E le nostre città ne sono il fulgido esempio….ogni cosa viene imbrattata, distrutta, vandalizzata e come se non bastasse ci fanno i loro bisogni sopra.
    Non saprei se sperare nell’estinzione di queste “persone” o nella loro epurazione o semplicemente arriverò al giorno in cui non tollererò più tutto questo e scapperò via.
    Busto è allo sbando da decenni come molte altre cittadine della provincia diventate dormitori.