Ricerca

» Invia una lettera

Educatori ed educatrici in “arancione scuro”

Fiori a scuola contro la violenza sulle donne
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

9 Marzo 2021

Gentile direttore

tra scuole aperte, scuole chiuse, dad, possibilità di frequentare con modalità ridotte e eccezionali per chi ha fragilità… si apre la riflessione.

Sono una educatrice e lavoro da anni nelle scuole; questa figura ahimè non è molto chiara a molti, ma non scrivo per polemica bensì per chiarezza e per far sentire la mia voce è quella di chi, come me, lavora con cuore, testa e corpo mettendo nel suo lavoro passione, pensiero e fluidità. Oggi ci troviamo in una situazione paradossale: noi disponibili a lavorare da casa, da remoto, in dad a domicilio, in presenza, dando davvero le più disparate alternative pur di non abbandonare i nostri ragazzi con i loro progetti e il nostro lavoro, (che peraltro se non può essere svolto non viene retribuito!) ma ci troviamo ad essere all’ombra degli insegnanti.

Ci hanno chiesto i titoli adeguati per esercitare con competenza il nostro lavoro e così abbiamo fatto, molti di noi hanno specializzazioni straordinarie ed esperienze strepitose ma… manca sempre un passo per chiudere il cerchio. L’essere autonomi nel nostro lavoro e che finalmente, le responsabilità che consapevolmente ci assumiamo sul campo, ci vengano riconosciute!
Non vuole essere una polemica ma un grido di esistenza!

Eleonora

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.