Ricerca

» Invia una lettera

Il valore di una madre

Generica 2020
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

9 Maggio 2021

Uno degli aspetti più ingiusti della pandemia è la solitudine che accompagna la fine di molti genitori. Essi ci danno la vita e vorrebbero sentirci vicini nella sofferenza. Ci danno la vita… per dare continuità alla propria esistenza  ed  obbedire all’invito che Dio fece a Noè dopo il diluvio: “Crescete,  moltiplicatevi e riempite la terra”.

Non c’è gioia più grande della nascita di un bimbo. Nei lunghi mesi di attesa la mamma lo sente muoversi, premere, scalciare… come se, in quella minuscola esistenza, fosse già attivo il desiderio di vivere. Una delle immagini più tenere che possa regalarci la maternità è il volto chino di una madre mentre allatta il suo bambino. In quel gesto, inondato di luce, c’è il desiderio di proteggere che hanno tutte le mamme.  Un istinto soprannaturale fa sì che, anche quando crescono e prendono la loro strada, i figli rimangano per esse come cuccioli indifesi al cospetto della vita.

In questo giorno festeggiamo le mamme. Un momento che ferma la vita per riportarci all’infanzia.

“Mamma!” è la prima parola che pronunciammo ed è della mamma il primo volto che ci sorrise.

Milioni, forse miliardi di anni fa, quando Dio creò l’universo nel cuore della mamma scolpì l’amore, il sentimento che da luce alla vita. Da quel giorno parole come mamma e amore unirono tutte le creature: uomini ed animali; giudici e malfattori; ricchi e poveri, principi, sovrani, contadini e vagabondi.

Le mamme ci danno la vita ma non sempre ce ne accorgiamo. Presi come siamo dalla sete di carriera e di danaro spesso ci rendiamo conto del loro valore solo quando se ne vanno: quando, nel pallore del viso, vediamo scorrere immagini che sanno di sacrifici e rinunce; di lacrime e malinconie.

Nulla è più prezioso del bene di una madre. Un’antica leggenda racconta ai bambini orfani che le mamme non muoiono: diventano stelle la cui luce altro non è che il loro perenne ricordo. Quel ricordo che torna, immutabile, anche negli uomini più rudi quando, nella sofferenza fisica, si ritrovano ad invocare la mamma. Questo ci insegna ad amare la mamma, non solo nel giorno della sua festa, ma in ogni momento  della nostra vita.

Fernando De Maria

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.