Ricerca

» Invia una lettera

In ricordo di Silvia Moroni

liceo cairoli varese
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

26 gennaio 2016

Grande emozione tra gli studenti del liceo classico Cairoli di Varese per la scomparsa della docente di storia dell’arte Silvia Moroni. (Leggi a notizia).

Di seguito pubblichiamo anche il ricordo di un suo ex alunno.

***

Scrivere quando viene a mancare una persona così significativa non è mai facile, dato che si incorre nella banalizzazione e nelle consuete parole di commiato e di lutto, insignificanti rispetto alla viva e vera memoria di cui sentiamo il peso nel cuore. Tuttavia è doveroso lasciare traccia di ciò che è stata per noi Silvia Moroni, che è venuta a mancare oggi troppo presto (davvero, troppo presto…), per tentare di dare umile e rispettosa testimonianza del suo valore per noi suoi alunni.

Ricordarsi di Silvia Moroni vuol dire per noi commemorare una professoressa dotata di un profondissimo senso di umanità: un’umanità snocciolata con naturalezza nel suo approccio comprensivo e diretto, ma mai indiscreto, con i suoi studenti, nel suo essere sempre paziente ed allegra, ma mai priva di severità e professionalità. In poche parole nel suo essere vera insegnante, una delle poche a saper solcare attraverso il Bello delle opere dei grandi e il Bello, non meno maiuscolo, del suo animo un profondo segno nei suoi alunni.

Ricordarsi della nostra amata insegnante vuol dire anche e soprattuttoaver viva memoria della meravigliosa donna e della splendida persona che si dimostrava essere quotidianamente. La sua dote più grande era infatti la spontanea e leggera semplicità. Ciò la faceva essere gioviale e allegra, sempre pronta a ridere con noi e ad aiutarci con garbo e rispetto nei momenti difficili. Attraverso la sua semplicità, la sua chiarezza d’animo ha trasmesso a tutti noi l’amore per la materia che insegnava el’amore per la vita.

Ricordarsi di Silvia Moroni significa avere ancora dinanzi agli occhi il suo splendido sorriso e la sua gioia di vivere, la sua scherzosità e la sua simpatia. Vuol dire divertirsi ancora, rammentandosi le battute sulle ferree modalità di verifica, sulla Gioconda, sulla Dama con l’ermellino, sui Coniugi Arnolfini e i commenti duranti le “carrellate” di autori. Vuol dire tenere nel cuore una donna meravigliosa che così tanto ha offerto e donato a ciascuno di noi.

Grazie di cuore, prof., e arrivederci.

Ugo

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.