Ricerca

» Invia una lettera

Lo spettro del comunismo si aggira per Gallarate

bandiera falce e martello comunista comunismo
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

29 Dicembre 2020

Gentile direttore

Tutte le rappresentanze politiche legaiole si sono coalizzate in una sacra caccia alle streghe contro questo spettro, quello del comunismo che si aggira per Gallarate: il sindaco Cassani in primis, e non è la prima volta.
Leggiamo ancora in questi giorni, su un quotidiano locale, dichiarazioni del sindaco di Gallarate che, rispondendo al comitato di piazza Giovanni XXIII, tira in ballo i comunisti (“La sistemiamo. Mi dispiace per i comunisti”).

Ora, è vero che noi comunisti abbiamo delle grosse perplessità su quanto sta succedendo in quel del progetto per la “riqualificazione” della piazza della stazione di Gallarate e siamo attenti alle osservazioni del comitato di cui non facciamo parte, ma pensiamo di essere vicini alle loro posizioni.
Si tratta di un comitato “civico” e come tale ha tutto il diritto di portare avanti determinate richieste, ma evidentemente il sindaco (non di certo il nostro anche per sue espresse affermazioni) ha manie persecutorie e quindi punta il dito contro i “soliti noti”, i complottisti, le sue nemesi: i comunisti.

Il sindaco ancora una volta è “inciampato”, come è già accaduto in precedenza sulla vicenda Ospedale unico, servile difensore assiduo di quello sciagurato progetto e delatore delle nostre legittime denunce, avvenute anni prima.
Come è inciampato altre volte (sarà il suo sport preferito?) sulle pietre, con affermazioni gratuite sui “crimini” dei comunisti gallaratesi (quali?), lui che con altri amici e compari commemora i morti della RSI (Repubblica Sociale Italiana), gli stessi che hanno mandato nei campi di sterminio tre concittadini, Clara Pirani Cardosi, Lotte Froehlich Mazzucchelli e Vittorio Arconti. Un poco di decenza.

Ma forse è chiedere troppo, come è chiedere troppo ai cittadini gallaratesi, non dico di dare una svolta e di avere il coraggio di ribellarsi a questo stato di cose, ma perlomeno RICORDARE.

Osvaldo Bossi – PCI Gallarate

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Giorgio Martini Ossola
    Scritto da Giorgio Martini Ossola

    Sono passati 80 anni e siamo sempre qui a rivangare al solo scopo politico fatti che ormai fanno parte della storia. Guai a dimenticare i crimini che sono stati compiuti da fascisti,nazisti e comunisti,sono però fatti accaduti in altre epoche e fanno appunto parte di una storia che sarà impossibile da replicare,anche se ad onor del vero oggi esistono paesi a dittatura comunista che ancora mettono in atto crimini contro l’umanità,basti pensare alla Corea del nord,Cuba e la stessa Cina che ancora conserva leggi marziali nel proprio statuto. Forse sarebbe meglio lasciare da parte ideologie ormai sepolte e occuparci di problemi attuali e concreti.

  2. Gian Marco Martignoni
    Scritto da Gian Marco Martignoni

    Il sindaco di Gallarate non ne azzecca una da parecchio tempo, a partire dall’incresciosa e vergognosa vicenda discriminatoria e razzista del campo nomadi, proprio nel mentre esplodeva in tutta la sua devastante potenza la questione relativa alla Mensa dei poveri ed i miserabili accordi tra le forze del centro-destra. Pertanto, in assenza di argomenti seri, la Lega rispolvera l’anticomunismo per coprire la sua politica fallimentare e destrorsa .Grazie a Osvaldo Bossi per averci ricordato da che parte stare.

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.