Ricerca

» Invia una lettera

Onestà, competenza, umiltà: i capisaldi di una buona amministrazione.

Induno Olona - Municipio
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

18 maggio 2019

A seguito dell’interessante ed animato confronto tra i candidati a Sindaco di Induno Olona, Rosa Ferrazzi e Marco Cavallin che sono stati intervistati con competenza dal Direttore di VareseNews, mi permetto di esporre alcune mie riflessioni.

Parco inclusivo della stazione
Nel dibattito ho notato una certa apertura di Rosa Ferrazzi sul Parco inclusivo della stazione proposto dell’Amministrazione Cavallin per rendere ancora più “bella”, “sicura” e fruibile dai cittadini tutti, anche bambini e anziani, la zona vicina alla stazione ferroviaria ( ricordo che la minoranza, nel consiglio comunale, aveva invece proposto un “bel parcheggio” ) ma non c’è stata una vera autocritica: in politica occorre anche essere umili e, quindi, capaci di cambiare le proprie opinioni quando quelle degli altri sono più lungimiranti ( si pensi al recupero delle aree dismesse anche per un altro parcheggio ) e propongono delle soluzioni che possono “rendere più bello” il paese ( proprio come sosteneva, in una nota del 16 aprile 2019, il gruppo che l’avrebbe candidata a Sindaco ).
A mio modesto parere, non occorre essere alla guida dell’Amministrazione per avere un quadro completo della situazione e per fare proposte innovative ( come la stessa ha ripetuto spesso nel dibattito ) ma occorre, a volte, “volare alto” nella progettazione delle soluzioni. Non solo, ma quando “si sogna un paese diverso”, occorre esplicitare i progetti e loro fattibilità, come ha fatto la lista di Marco Cavallin.

Le opere di RFI e l’intervento dell’Amministrazione comunale
Concordo con le considerazioni di Rosa Ferrazzi in merito ad alcune soluzioni costruttive abbastanza “brutte” e “ardite” elaborate dai tecnici di RFI ( Rete Ferroviaria Italiana ) e sulle quali le ripetute sollecitazioni e pressioni dell’Amministrazione Comunale e della Commissione Ferrovia nulla hanno potuto ( non credo che i componenti della minoranza avrebbero ottenuto risultati diversi; si rifletta, infatti, su alcune “brutte” e “ardite” opere realizzate nel comune di Arcisate, con un’Amministrazione Comunale del loro stesso orientamento politico e che nulla ha potuto per far cambiare le più importanti decisioni di RFI ).

La “cementificazione” del paese
Concordo, ancora, sulla necessità di limitare l’eccessiva “cementificazione” del paese ma so che l’Amministrazione Cavallin ha, tempo fa, introdotto nuove regole per le aree già dichiarate edificabili dalle precedenti Amministrazioni, anche prima di quella di Fontana; senza quelle regole, la cementificazione sarebbe stata ancora più accentuata e non ci sarebbero state opere di compensazione.
D’altra parte, la stessa Ferrazzi era vicesindaco quando è stato attuato il “Comparto 8” del quale molte persone, anche esterne all’attuale maggioranza, hanno parlato di “cementificazione selvaggia”.

Le rotatorie
Per quanto concerne le rotatorie, mi chiedo se l’ironia che ho percepito riguardi l’estetica delle stesse oppure la loro utilità ai fini della sicurezza di tutti.
Le rotatorie realizzate nel paese possono piacere o no, ma per quanto concerne la sicurezza dei cittadini, sulla base delle prime informazioni, i risultati sono positivi.
Ovviamente, per avere dei dati precisi e che possano essere confrontabili con quelli degli ultimi anni ( in merito al numero degli incidenti, dei morti, dei feriti, della tipologia dei danni ai veicoli, ecc. ) occorre ancora un po’ di tempo: solo allora si potranno trarre delle conclusioni corrette e attendibili.

Come è cambiata Induno Olona?
Nel merito, Rosa Ferrazzi non è stata molto chiara, mi sembra di intuire che anche per Lei Induno sia più bella di prima ma che non potesse ammetterlo e allora ha dichiarato che, nel caso venisse eletta Sindaco, la Sua Amministrazione lavorerebbe a tempo pieno per far diventare Induno “un posto bello e sicuro da vivere”, anche con la partecipazione dei cittadini. Certamente sono propositi importanti e lodevoli ma non vorrei che questa puntualizzazione lasciasse sottintendere che, sulla partecipazione dei cittadini e sul tempo dedicato al lavoro per l’amministrazione del paese, si vogliano fare appunti critici al Sindaco Cavallin e alla sua squadra: sarebbe tutto molto ingeneroso e non rispondente alla verità dei fatti.
Inoltre, anche secondo il parere di persone non residenti in Induno, in questi anni il paese è cambiato in meglio ma è chiaro che questa mia affermazione può essere confutata e contraddetta.
Non può essere confutato e contraddetto, invece, il fatto che “Il Roseto della pace” sia stato inserito dal sito web “Gite in Lombardia” tra i giardini più belli della Lombardia da visitare in questo mese.

Ps: Mi auguro che, nell’ultima fase della campagna elettorale, il confronto non si trasformi in una sterile polemica, dannosa per tutti.
Diversi segnali non sono positivi e spero che non abbiano alcun seguito.
Mi riferisco alle intemperanze, durante il dibattito, nei confronti di Rosa Ferrazzi da parte di qualcuno del pubblico, all’imbrattamento di alcuni manifesti della candidata ma anche agli insulti, ai commenti ironici e alle fake news, su qualche sito web di Induno, contro esponenti dell’Amministrazione uscente e alla caduta di stile di Rosa Ferrazzi quando ha fatto apprezzamenti negativi sulla composizione della lista Cavallin.

Antonio Cucciniello – Induno Olona, 18 maggio 2019

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.