Ricerca

» Invia una lettera

Ora basta davvero!

voto
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

13 agosto 2019

Egregio Direttore,
chi sperava nella graduale remissione dell’infuocato ed improduttivo clima elettorale che il paese sta indegnamente sopportando da quasi 2 anni ha avuto purtroppo un brusco quanto indigesto risveglio.-Di nuovo l’interesse dell’Italia è stato buttato al vento e si è ridato fiato alle trombe del più sordido interesse personale (e/o di partito): poco importa se le leggi in cantiere non saranno convertite, se lo spread col Bund decennale tedesco salirà alle stelle, se la Borsa perderà miliardi e miliardi di capitalizzazione, se le Banche saranno costrette a ridurre il flusso di erogazione dei crediti, se la produzione industriale si avviterà su se stessa e se gli svariati tavoli di crisi aziendali rimarranno ingessati per mesi.-Ciò che conta, per la Casta, e soltanto mettere in sicurezza il potere personale, consolidando rendite sovente frutto di proclami millantatori, talvolta incompatibili con le oggettive difficili condizioni, non solo finanziarie, di questo bistrattato Paese.- E’ un pò come se i ns. politici avessero una vecchia moglie (l’Italia) oramai relegata a ruol di comparsa, ed una più appetibile amante (il potere), sempre antepostale in quanto foriera di maggior personale compenso.- Mi chiedo dove abbiano questi signori la spina dorsale, e quali pensieri possa portar loro la notte, tali di certo da rivolgere una coscienza di persona comune.- Logica conseguenza: se non vi è altro modo per far si che chi ha da intendere intenda, si revochi loro la rappresentanza e si esasperi di molto l’astensionismo di massa (27% politiche 2018; 44% europee 2019) che già ora dovrebbe far risuonare non 1 ma 100 sirene d’allarme; non vedo purtroppo altro mezzo per indurre i politici e riappropriarsi giocoforza del sacro concetto che il POPOLO SOVRANO è stanco di essere bellamente turlupinato da destra e da manca con annunci indefessi di provvedimenti tanto allettanti quanto spesso inutili se non autolesionistici e financo suicidi.-
Con osservanza

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Felice

    Scusi ma di quale “casta” generica si sta parlando. Qui l’approfittatore del paese Italia ha un nome e cognome , si chiama Matteo Salvini che ha usato questa alleanza solo per tornaconto personale e di partito. Che è da un anno e mezzo che usa le istituzioni alla bisogna e solo per portare avanti la sua fame di potere.
    Il paese 2 anni fa funzionava molto meglio dell’attuale che ha saputo solo amplificare i costi senza creare prospettive. Gentiloni non vi andava bene ed il popolo sovrano quando ha dovuto scegliere ha preferito inseguire finti problemi e cavalcare le paure come quella degli immigrati. Evidentemente gli italiani non sanno più votare con raziocinio e quando lo fanno nemmeno si prendono in carico delle proprie responsabilità e colpe.

  2. Scritto da Giorgio Martini Ossola

    Concordo totalmente,quello che manca agli italiani è l’orgoglio di esserlo,non abbiamo più amore per la nostra nazione,ce l’hanno fatto perdere decenni e decenni di malgoverni,di caste mafiose,di massonerie,ormai siamo come assuefatti e navighiamo allegramente in una sorta di sindrome di Stendhal collettiva. La nostra casta politica non è null’altro che lo specchio di un popolo che non c’è più,maltrattato da chi ci rappresenta e bistrattato come se non contasse nulla,saimo solo divisi su tutto…come una tifoseria di calcio.