Ricerca

» Invia una lettera

Pensare di essere i migliori non è più sufficiente

Marco Colombo
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

14 luglio 2019

Riunione con colleghi imprenditori. È una delle poche volte che mi trovo in disaccordo con dei rappresentanti di categoria.

Noi piccoli imprenditori a volte pensiamo di essere “imparati” e come recitava Alberto Sordi il leitmotive è sempre il solito: “io so io e voi non siete ….”. Grosso errore, le nostre piccole imprese un po’ per presunzione e anche per motivi circostanziali, stanno sempre più perdendo terreno, eccetto che in alcuni casi, perché non investono più in risorse umane.

Ho sempre dichiarato che è difficilissimo fare impresa in Italia per via di tasse e burocrazia asfissianti, ma è altrettanto vero che negli ultimi anni abbiamo peccato anche di non lungimiranza. Tanti bravi giovani hanno scelto vie diverse a livello occupazionale, attirati dall’estero o da multinazionali che investono molto sulla ricerca e innovazione ed anche su profili up to date.

Abbiamo fatto cassa, dove è stato possibile farlo, abbiamo garantito agio alle nuove generazioni di famiglia ed in molti casi ci siamo seduti, abbiamo perso quella “fame” di crescita e sana competizione che ci ha permesso di emergere nel passato, a livello globale. Gli status symbol e le comodità ci hanno fatto credere di essere arrivati, svegliandoci un giorno di scatto, accorgendoci che le tartarughe avevano superato le lepri.

Non ci rimane che rimetterci a correre, consci che il campo di gara ha il doppio degli ostacoli e difficilmente da soli possiamo farcela.

Auspico che questa parabola “casereccia” serva a farci riflettere e che stimoli un nuovo concetto di FARE impresa, coordinato tra istituzioni attente e reti d’impresa che sappiano insieme affrontare nuove e stimolanti sfide per far riemergere quel tanto da me decantato, SAPER FARE ITALIANO.

Abbiamo esempi lampanti: auguri Giorgio Armani per i tuoi 85 anni, spesi partendo dalla bottega, indicando a tutti noi cosa significa credere, imparare e crescere.

Marco Colombo
Presidente Aime-Italia
Agroalimentare

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.