Ricerca

» Invia una lettera

“Il nuovo punto tamponi dell’Asst Valle Olona è altamente peggiorativo”

tampone
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

2 Agosto 2021

Buongiorno,

volevo condividere un’esperienza personale legata al tema in oggetto.

Ho dovuto sottopormi a tampone per sospetto Covid, pur avendo sintomi molto lievi, ed essendo vaccinato con doppia dose da oltre 15 giorni.

Ho scoperto che dal 1/7 le attività di acquisizione tamponi molecolari sono state spostate nel distretto di Lonate Pozzolo per tutta la ASST.

Al di là delle considerazioni logistiche sulla scelta e gestione del plesso, ho riscontrato diverse carenze da un punto di vista legato alla sicurezza sanitaria che potrei riassumere in

– mancanza di un drive through, con la necessità per l’utenza (sospetta covid) di parcheggiare, percorrere spazi pubblici a piedi per arrivare al plesso

– accodamento delle persone, con tutte le implicazioni portate da chi ancora non sa rispettare correttamente le distanze, o anche semplicemente in coda abbassa la mascherina per fumare (ancora, tutti sospetti casi covid)

– gestione flussi interni al plesso, pur segnalati a pavimento, non controllati e soprattutto non idonei al mantenimento delle distanze di sicurezza (basti pensare che la sala tamponi è in fondo ad un corridoio di normale larghezza, nel quale sono posizionate due sede di attesa per chi deve sottoporsi al tampone, e che quindi necessariamente si incontra senza poter mantenere le distanze con chi invece esce dopo aver effettuato il tampone)

Potrei anche continuare con aneddotti (la sedia per l’esecuzione al tampone è con schienale appoggiato ad una vetrina di vetro… scelta ideale per chi magari al primo tampone dovesse avere un gesto istintivo di allontanamento delle testa, … oppure il processo di gestione dell’appuntamento, telefonico senza prova di messaggio o mail, tant’è che diverse persone oggi sono arrivate non essendo presenti in lista) ma credo di avere comunque reso l’idea di maggior interesse per la collettività

Vi scrivo perchè da ieri cerco di segnalare al URP Asst Valleolona, ma non ho avuto riscontro alle PEC nè attenzione dagli operatori, pur cordiali (“noi cosa possiamo farci”), e trovo che la nuova organizzazione si altamente peggiorativa rispetto alla precedente di mia esperienza col drive through presso la caserma Ugo Mara, e non degna di un paese come il nostro, soprattutto quando si cerca di sconfiggere il virus tutti insieme, e ci si ritrova invece nelle condizioni di rischiare di contagiare altri, o di essere contagiati proprio nell’esercizio di sottoporsi a test… ma soprattutto vi scrivo per quei ragazzi che ho incontrato presso il plesso, ammirevoli mentre svolgono il servizio al meglio delle loro possibilità, ma lasciati all’autogestione (“non solo non abbiamo un responsabile organizzazione ma proprio non abbiamo un responsabile”… ) e palesemente non in grado nè con gli strumenti per gestire diversamente la situazione.

Immaginando vi siano arrivate comunque anche altre segnalazioni, o che possa essere parte delle vostre attività approfondire l’esperienza che vi ho raccontato, spero che con la vostra voce si possa porre qualche rimedio e migliorare la situazione.

Resto comunque a disposizione per condividere ulteriori dettagli ed eventuale materiale fotografico raccolto da smartphone.

Grazie e buon lavoro,

A.R.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.