Ricerca

» Invia una lettera

Quelle parole di pace di Obama, così attuali undici anni dopo

barack obama
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

4 giugno 2020

Gentile direttore

il 4 giugno del 2009, in un periodo di grande tensione tra gli Stati Uniti e i musulmani e prima della agitazioni della “Primavera Araba” l’ex Presidente Obama parlò al Cairo: parole semplici ma che continuano ad essere di grande attualità.

«Tutti condividiamo le stesse aspirazioni: quella di vivere in pace e sicurezza, di volere un’istruzione e un lavoro decoroso, di amare le nostre famiglie, le nostre comunità e il nostro Dio. Tutti i popoli aspirano alle medesime cose: la possibilità di parlare ed esprimersi liberamente, di decidere come vogliono essere governati; la fiducia nella legge e nell’equa amministrazione della giustizia; un governo trasparente che non si approfitti del popolo; la libertà di vivere come vuole».

«È più facile iniziare una guerra che finirla. È più facile accusare gli altri invece che guardarsi dentro. È più facile osservare le differenze di ciascuno di noi che le cose che abbiamo in comune, ma nostro dovere è scegliere la strada giusta, non la più facile. C’è un unico comandamento dietro ogni religione: fate agli altri quello che vorreste che gli altri facessero a noi».

«Abbiamo la possibilità di creare il mondo che vogliamo, ma soltanto se avremo il coraggio di dare il via a un nuovo inizio, tenendo a mente ciò che è nelle Sacre Scritture: il Corano dice: “Oh umanità! Sei stata creata maschio e femmina, e divisa in nazioni e tribù, così da poterti conoscere meglio”. Nel Talmud si dice: “La Torah ha per unico scopo la promozione della pace”. E la Santa Bibbia dice: “Beati coloro che portano la pace, perché saranno chiamati figli di Dio”. I popoli di tutta la Terra possono convivere in pace: noi sappiamo che questo è il volere di Dio, e che questo è il nostro dovere su questa Terra».

Andrea Zirilli

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giorgio Martini Ossola

    Il “pacifista” presidente Obama,premio nobel per la pace anno 2009 proprio in merito al discorso che il lettore ha citato,ricordo che durante i suoi mandati ha dichiarato guerra ai seguenti paesi:Afghanistan,Libia,Iraq e Siria…ricordiamo che il conflitto siriano lo cominciò proprio Obama,Ucraina,inoltre autorizzò interventi militari in Yemen,Pakistan e Somalia che causarono centinaia di morti civili. La differenza tra Obama e Bush fu solo l’arte di cammuffare i propri operati,gli interessi furono gli stessi.